30 ottobre 2020
Aggiornato 00:00
M5s incontra il commissario

M5s: Il 24 incontriamo Tronca, vogliamo chiarimenti su nomine

La città ha bisogno di una svolta per i grillini romani che si apprestano ad incontrare il commissario straordinario Francesco Paolo Tronca. Al centro dell'incontro i chiarimenti rispetto alle nomine di Funari e Aceti

ROMA - Una delegazione M5S composta dai parlamentari romani Alessandro Di Battista, Paola Taverna e Roberta Lombardi incontrerà dopodomani, giovedì 24 dicembre, il commissario straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca. Al centro dei colloqui i problemi della Capitale ed in particolare alcune nomine effettuate dallo stesso Commissario che, secondo alcuni organi di stampa, riguarderebbero soggetti i cui nomi sono emersi nelle intercettazioni dell'inchiesta Mafia Capitale o comparsi nella lista dei 101 stilata dalla commissione prefettizia. L'incontro si svolgerà alle 10.30, in Campidoglio.

«Vogliamo chiarimenti»
«Siamo stati convocati da Tronca - ha spiegato Carla Ruocco, esponente del direttorio M5s - e gli chiederemo chiarimenti in particolare sulle nomine di Funari e Aceti, nomi collegati a sistemi che sono già stati visti operare nei vari governi. Vogliamo che Tronca ci dia degli approfondimenti su queste nomine. Lucia Funari è un ex assessore finito sotto inchiesta per corruzione, è stata tirata in ballo anche da Salvatore Buzzi che ha dichiarato di averle versato una tangente di 100mila euro per l'emergenza abitativa, che poi lei ha smentito. Clorinda Aceti invece compare nella black list dei 101 stilata dal prefetto Gabrielli. Noi riteniamo che ci siano delle personalità in Italia che possano ricoprire questi ruoli al posto di chi ha già avuto una sua storia all'interno della città. Chiediamo spiegazioni sul perché non dare una reale svolta nell'amministrare la città».

Spezzare il filo
«Il sistema tende a mantenere in piedi se stesso - ha proseguito Ruocco parlando a radio Cusano - e vediamo che anche quando cambiano le facce alla fine le scelte di fondo rimangono le stesse perché c'è un sistema che si autoalimenta. Noi vogliamo spezzare questo filo che ha portato la città in queste condizioni. Lo stesso Tronca, che è una figura lontana dal governo della città, dovrebbe essere contento della nostra operazione di trasparenza. Il Pd, dopo aver distrutto la città l'ha abbandonata a se stessa, noi non abbiamo questo atteggiamento, continuiamo a combattere».

La candidatura
Quanto al candidato Sindaco M5s a Roma «ci saranno - ha affermato Ruocco - altri step per la scelta.Siamo concentrati sulla scelta delle candidature ma soprattutto del programma. Noi pensiamo che la gente sia stanca dei vip, non abbiamo bisogno di vip per cambiare le regole del gioco. Ci deve essere una persona che sia espressione di un programma in linea con le esigenze dei cittadini e che abbia le carte in regola per realizzare il nostro programma».

(con fonte Askanews)