20 agosto 2019
Aggiornato 04:30
Il corteo pacifico al Miur

A Roma Studenti e sindacati contro la cattiva scuola di Renzi

Lo sciopero e la manifestazione sono stati indetti da Cobas, Anief e precari per far sentire la propria voce contro una riforma sbagliata: «Contro la cattiva scuola di Renzi e la legge 107 e per significativi aumenti salariali a docenti ed Ata»

ROMA - Sciopero e manifestazione nazionale a Roma dei Cobas oggi «contro la cattiva scuola di Renzi e la legge 107 e per significativi aumenti salariali a docenti ed Ata». Lo sciopero è stato indetto dai Cobas, dall'Anief e da altre organizzazioni sindacali con l'adesione di varie strutture di precari/e, tagliati "fuori brutalmente dalle assunzioni della legge 107".

Il corteo
Il corteo, pacifico, è partito oggi attorno alle 10.30 dal Miur e l'intenzione degli organizzatori è di sfilare in corteo per arrivare fino davanti al Parlamento attorno alle 12. Piero Bernocchi, segretario generale dei Cobas, spiega che lo sciopero di oggi è «fondamentale per impedire l'applicazione almeno delle parti più deleterie della legge 107 e della cattiva scuola voluta da Renzi», spiegano.

L'«offerta» del governo
«Contemporaneamente, ci batteremo contro la grottesca 'offerta' governativa di rinnovo contrattuale (un aumento medio di 8 euro lorde al mese), richiedendo un consistente recupero salariale per docenti ed Ata, nonché la stabilizzazione di tutti i precari abilitati o con 36 mesi di servizio, ingiustamente esclusi dalla 107», concludono gli organizzatori.


(con fonte Askanews)