10 luglio 2020
Aggiornato 01:30
Fi lascia vertice voluto da Fitto

In Puglia due candidati per il centrodestra

Luigi Vitali, coordinatore di Forza Italia in Puglia, allontanandosi dal vertice in un hotel di Bari convocato da Raffaele Fitto per tentare di ricompattare il centrodestra pugliese, ha affermato: «In piena coscienza, riteniamo di aver fatto tutto ciò che era umanamente possibile ma non ci si poteva chiedere di trattare Poli Bortone alla stregua di Schittulli».

BARI (askanews) - «Per noi finisce qua però abbiamo detto che in qualunque momento, fino all'ultimo secondo siamo disponibili a risederci ma riteniamo che la candidata del centrodestra non può che essere Poli Bortone».

Schittulli e Poli Bortone
Lo ha detto Luigi Vitali, coordinatore di Forza Italia in Puglia, allontanandosi dal vertice in un hotel di Bari convocato da Raffaele Fitto per tentare di ricompattare il centrodestra pugliese. Che resta ancora diviso in due fazioni con altrettanti candidati alla presidenza della Regione Puglia: Francesco Schittulli (sostenuto dai «Ricostruttori» di Fitto, Fratelli d'Italia e Ap- Ncd). E Adriana Poli Bortone.

Gli errori di Schittulli
«In piena coscienza, riteniamo di aver fatto tutto ciò che era umanamente possibile ma non ci si poteva chiedere di trattare Poli Bortone alla stregua di Schittulli. Abbiamo grande rispetto per entrambe dal punto di vista umano e personale ma dal punto di vista politico c'è chi ha fatto degli errori clamorosi e non potevano essere messi sullo stesso piano», ha continuato Vitali e annunciato che «alle 17 arrivano i segretari provinciali i quali ci cosegnano le liste con le procure e i candidati».