15 luglio 2024
Aggiornato 17:30
Sisma Abruzzo

Schifani: Ricostruire l'Aquila si può, i fondi ci sono

Il Presidente del Senato: «Gestione della ricostruzione sia rapida come l'emergenza»

BARETE - Il presidente del Senato, Renato Schifani, ha inaugurato questa mattina la nuova scuola per l'infanzia di Barete, un paesino a pochi chilometri dall'Aquila, devastato dal sisma che ha colpito l'Abruzzo il 6 aprile 2009. Proprio da qui, la seconda carica dello Stato ha ribadito che «L'Aquila verrà ricostruita: so - ha detto - che ci sono dei tempi da rispettare, ma il presidente della Regione Chiodi mi ha assicurato questa mattina che le somme ci sono. Adesso occorre attivare i progetti di ricostruzione parziale dell'Aquila, anche del centro storico, e mi auguro che così come è stata veloce la gestione dell'emergenza, altrettanto sia la logica della ricostruzione, che ovviamente richiede metodologie, tempi, e processi ben diversi».

Schifani, arrivato a Barete attorno alle 11.15, si è intrattenuto per più di un'ora e mezza con i cittadini e i bambini che frequenteranno il nuovo istituto, 500 metri quadrati attrezzati con tutte le dotazioni necessarie e costruiti secondo le più moderne norme antisismiche grazie una sottoscrizione lanciata fra i senatori e i dipendenti di Palazzo Madama all'indomani del sisma, che ha permesso di raccogliere 870 mila euro. La scuola è dedicata agli studenti morti nel crollo della Casa dello studente dell'Aquila e rappresenta, come si legge nella targa in memoria delle vittime, «un segno tangibile della speranza per i giovani d'Abruzzo». Schifani, nel corso della sua visita a Barete, ha quindi voluto incontrare proprio i familiari degli studenti morti il 6 aprile del 2009. Ad accompagnare il presidente del Senato in Abruzzo c'erano, fra gli altri, il presidente della Regione Gianni Chiodi, il vescovo dell'Aquila Giuseppe Molinari, il sindaco di Barete Leonardo Gattuso e l'ex presidente del Senato, Franco Marini.