5 aprile 2020
Aggiornato 04:00
La Corte si è ritirata da oltre 24 ore

Processo Dell'Utri, i Giudici ancora in camera di consiglio

Ieri mattina, nell'aula bunker del carcere Pagliarelli, accusa e difesa avevano concluso le proprie requisitorie

PALERMO - Sono trascorse più di 25 ore ormai da quando i giudici della Seconda sezione Penale della Corte d'Appello di Palemo si sono ritirati in camera di consiglio per decidere la sentenza del processo che vede imputato Marcello Dell'Utri, con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

Ieri mattina, nell'aula bunker del carcere Pagliarelli, accusa e difesa avevano concluso le proprie requisitorie con uno scambio di battute riguardo il compito cui la corte, presieduta dal giudice Claudio Dall'Acqua, è chiamata a compiere. Secondo il Pg Nino Gatto, che ha chiesto per Dell'Utri una condanna ad 11 anni di reclusione, «questa sarà una decisione storica, che consentirà di salire un gradino in più sulla scala che conduce alle verità che stanno dietro alcuni dei fatti più efferati che hanno insanguinato il nostro Paese negli ultimi trent'anni».

Un'affermazione cui ha replicato l'avvocato Antonino Mormino, legale del senatore del Pdl, per il quale «ai giudici - ha detto - non è chiesto di scrivere la storia; quanto piuttosto applicare in modo imparziale e scevro da condizionamenti, la legge dello Stato». Sebbene non sia possibile dire con certezza quando terminerà la camera di consiglio, dalla Cancelleria del carcere Pagliarelli fanno sapere che la sentenza potrebbe essere letta entro le prossime 48 ore. In primo grado Dell'Utri è stato condannato a 9 anni di reclusione.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal