24 agosto 2019
Aggiornato 18:00
Indagine formale

Amazon, e-book nel mirino dell'UE

Nel mirino «alcune clausole presenti nei contratti con gli editori» dai cui il gigante internet risulta favorito rispetto a gruppi rivali. Il timore dell'Ue è che ne derivi una limitazione alla commercializzazione di questi beni digitali.

BRUXELLES - L'Antitrust europeo ha annunciato di aver avviato una indagine formale sulla distribuzione di e-book da parte di Amazon. Nel mirino «alcune clausole presenti nei contratti con gli editori», recita un comunicato, dai cui il gigante internet risulta favorito rispetto a gruppi rivali. Il timore dell'Ue è che ne derivi una limitazione alla commercializzazione di questi beni digitali.
La Commissione europea ha espresso preoccupazioni sul fatto che queste pratiche commerciali pretese da Amazon possano creare difficoltà di concorrenza ad altri distributori di e-book. E se questi timori si dovessero rivelare fondati la società americana potrebbe essere accusata di abuso di posizione dominante.

Primo distributore di e-book in Europa
«La nostra indagine non mette in discussione il successo del modello di Amazon», ha puntualizzato la commissaria alla Concorrenza Margrethe Vestager. «Tuttavia dobbiamo verificare che i suoi accordi con gli editori non risultino dannosi per i consumatori».
Amazon è il primo distributore di e-book in Europa, le analisi dell'Ue si concentreranno sui maggiori mercati: quelli delle pubblicazioni in inglese e tedesco.
Secondo Bruxelles vi sarebbero delle clausole che garantiscono ad Amazon il diritto ad essere informata di condizioni più favorevoli ad altri concorrenti e di ottenere condizioni altrettanto favorevoli.