13 dicembre 2019
Aggiornato 08:00
Il parlamento vota lo smantellamento del colosso USA

Bruxelles dichiara guerra a Google

Il parlamento europeo ha adottato a grande maggioranza una risoluzione importante quanto simbolica che invita allo smantellamento del gigante Usa del Web Google. Nella risoluzione si invita la «Commissione a mettere in campo delle proposte atte a separare i motori di ricerca dagli altri servizi commerciali».

STRASBURGO - Il parlamento europeo ha adottato a grande maggioranza una risoluzione importante quanto simbolica che invita allo smantellamento del gigante Usa del Web Google. Nella risoluzione si invita la «Commissione a mettere in campo delle proposte atte a separare i motori di ricerca dagli altri servizi commerciali».

DIFENDERE I DIRITTI DEI CONSUMATORI - La risoluzione è stata adottato con 384 voti a favore, 174 contro e 56 astensioni. Il testo di intitola «Risoluzione per la difesa dei diritti dei consumatori nel mercato digitale» e, senza nominarlo, ha come obbiettivo polemico Google. «Vogliamo dare un segnale forte alla commissione Ue ma ci rivolgiamo anche a certe imprese americane, come Google, e, ovviamente, ai cittadini», ha detto l'eurodeputato socialista belga Marc Tarabella.

NON ESISTE CONCORRENZA - Nei giorni scorsi gli Usa non avevano celato la loro «preoccupazione» nei confronti di tale iniziativa e il portavoce della missione americana presso la Ue aveva detto: «Rispettiamo il processo che mira a stabilire regole di concorrenza nella Ue...ma è impotante che l'individuazione dei problemi e dei possibli rimedi non sia politicizzata». Nel novembre 2010 la commissione Ue ha aperto un'inchiesta relativa alla posizione dominante di Google. Al gigante americano del web si rimprovera di privilegiare sulle proprie pagine i propri servizi specializzati a svantaggio dei motori di ricerca concorrenti.