29 settembre 2020
Aggiornato 19:30
Caso Navalny

«Qualsiasi tentativo di associare la Russia a ciò che è accaduto a Navalny è assurdo»

Il Cremlino «alza la voce» e attende da Berlino la documentazione medica, mentre la Cancelliera Merkel non ha ancora parlato di Navalny con Putin. Intanto Londra convoca l'ambasciatore russo

Vladimir Putin con la Cancelliera tedesca, Angela Merkel
Vladimir Putin con la Cancelliera tedesca, Angela Merkel ANSA/EPA

Il Cremlino ha denunciato gli «assurdi» tentativi di accusare la Russia dell'avvelenamento dell'oppositore Aleksei Navalny, ricoverato in un ospedale tedesco e vittima secondo i medici di un agente nervino del tipo «Novichok». «Qualsiasi tentativo di associare la Russia a ciò che è accaduto è inaccettabile ad assurdo», ha commentato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov.

Stando al governo tedesco, Navalny è stato «senza alcun dubbio» avvelenato in Russia mediante un agente neurotossico; ieri Berlino ha dato un ultimatum alla Russia perché «chiarisca ciò che è accaduto». Mosca ha ribattuto accusando la Germania di «ritardare l'inchiesta da lei stessa sollecitata» non avendo ancora fornito alcuna documentazione medica alle autorità russe, ciò che secondo Peskov dovrebbe comunque avvenire «nei prossimi giorni».

Merkel non ha ancora parlato di Navalny con Putin

La cancelliera tedesca Angela Merkel non ha ancora parlato con il presidente russo Vladimir Putin a proposito del tentato avvelenamento dell'esponente dell'opposizione Alexey Navalny. Lo ha annunciato il portavoce del governo di Berlino. «La cancelliera non ha ancora parlato con il presidente Putin a riguardo», ha spiegato Steffen Seibert ai giornalisti.

Ospedale Berlino: «Condizioni migliorate»

Le condizioni di Alexey Navalny, l'oppositore russo vittima di un sospetto avvelenamento, sono migliorate e l'uomo potrebbe essere svegliato dal coma indotto. Lo ha annunciato l'ospedale universitario della Charite a Berlino, dove è in cura.

«Le condizioni di salute di Alexei Navalny, in cura presso l'ospedale universitario Charite di Berlino dal 22 agosto 2020, sono migliorate. Il coma farmacologico del paziente potrebbe essere concluso. Potrebbe essere ridotta la dipendenza del paziente dal ventilatore. Reagisce ai discorsi. Un effetto a lungo termine del pesante avvelenamento non è ancora escluso», si legge in un comunicato stampa.

Intanto Londra convoca l'ambasciatore russo

Il Regno Unito ha convocato l'ambasciatore russo in merito alla situazione con l'esponente dell'opposizione russa Alexey Navalny, attualmente in cura in Germania per sospetto avvelenamento. Lo ha indicato il segretario del Foreign Office britannico, Dominic Raab.

«Oggi il Regno Unito ha convocato l'ambasciatore di Russia nel Regno Unito per manifestare profonda preoccupazione per l'avvelenamento di Alexey @Navalny», ha detto Raab su Twitter, aggiungendo che la Russia ha bisogno di «un'indagine completa e trasparente».