20 settembre 2019
Aggiornato 16:30
Tour europeo del Premier

Brexit, Merkel apre a Johnson sul «backstop»

Trenta giorni per raggiungere un nuovo accordo su Brexit: è la sfida impossible che la cancelliera tedesca Angela Merkel ha lanciato a Boris Johnson

Boris Johnson con la Cancelliera Angela Merkel
Boris Johnson con la Cancelliera Angela Merkel ANSA

BERLINO - La cancelliera Angela Merkel ha sollecitato il governo britannico a presentare «idee» per risolvere la controversa questione del confine tra Irlanda e Irlanda del Nord, a fronte della richiesta di Londra di eliminare il backstop dall'accordo di Brexit negoziato dall'ex premier Theresa May. Parlando alla stampa dopo aver accolto a Berlino il premier britannico Boris Johnson, Merkel ha sottolineato che non spetta al governo tedesco comprendere tutte le questioni riguardanti la frontiera, per questo è compito di Londra avanzare idee, ma la Germania vuole «proteggere il mercato unico».

Merkel: «Serve assoluta chiarezza»

Da parte sua, Johnson ha detto che discuterà con la cancelliera delle alternative al backstop, assicurando che «in nessuna circostanza il Regno Unito imporrà controlli alla frontiera in Irlanda». Merkel ha sottolineato che il backstop è stato creato per risolvere un problema, lasciando quindi la porta aperta ad altre soluzioni «praticabili» per scongiurare il ritorno di un confine fisico tra Irlanda e Irlanda del Nord. E una soluzione, ha aggiunto, può essere trovata nei «prossimi due anni» o «nei prossimi 30 giorni». Ma, ha rimarcato la cancelliera, ci deve essere «assoluta chiarezza» sui futuri rapporti tra Ue e Regno Unito.

Macron: «Senza accordo sarebbe responsabilità di Londra»

Il presidente francese Emmanuel Macron ha definito «non praticabile» la richiesta del premier britannico Boris Johnson di eliminare il backstop irlandese, sottolineando che una Brexit senza accordo sarebbe responsabilità di Londra e non di Bruxelles. Parlando alla stampa, Macron ha poi aggiunto che qualsiasi accordo commerciale tra Regno Unito e Stati uniti non mitigherebbe il costo di una Brexit senza accordo. Il presidente francese riceverà domani Johnson, impegnato oggi in colloqui con la cancelliera tedesca Angela Merkel.

Per Steinmeier poco probabile revisione del backstop

È improbabile che i negoziati sulla clausola di salvaguardia, «pomo» della discordia tra Regno Unito e Unione Europea nei colloqui sulla Brexit, siano riaperti. Lo ha dichiarato il presidente tedesco. Frank-Walter Steinmeier si è espresso qualche ora prima di un incontro tra Boris Johnson e la cancelliera tedesca Angela Merkel, all'indomani del no degli europei alla proposta alternativa avanzata dal primo ministro britannico per sostituire il «backstop».