23 luglio 2019
Aggiornato 04:30
Nucleare iraniano

Trump annuncia sanzioni contro l'Iran e propone un nuovo accordo

L'accordo tra Teheran e la grandi potenze del 2015 mirava proprio a impedire che l'Iran avesse una tecnologia militare nucleare. Ma Trump ha revocato la partecipazione degli USA all'accordo.

Video Euronews

WASHINGTON - Il presidente Usa Donald Trump ha detto che è pronto a negoziare «senza precondizioni» un accordo con l'Iran purchè il Paese metta al bando le armi atomiche. In un'intervista con Nbc Trump ha detto di essere pronto a incontrate sia la guida suprema dell'Iran, l'ayatollah Ali Khamenei, sia il presidente Hassan Rohani. «Non m'importa. Ecco cosa voglio, qualunque cosa mi porti al risultato. Non possono avere l'arma nucleare. Gli stretti non c'entrano. Molta gente ha dato la copertura sbagliata, non se ne parla mai. Non possono avere l'arma atomica, la userebbero. E non avranno l'arma atomica» ha detto Trump.

L'accordo del 2015

L'accordo tra Teheran e la grandi potenze del 2015 mirava proprio a impedire che l'Iran avesse una tecnologia militare nucleare. Ma Trump ha revocato la partecipazione degli USA all'accordo. Finora l'agenzia atomica dell'Onu e la stessa intelligence Usa hanno verificato che l'Iran sta rispettando l'intesa in termini di arricchimento dell'uranio, cosa che Trump invece nega. La scorsa settimana l'Iran, a seguito della campagna di «massima pressione» di Washington, ha annunciato che infrangerà i limiti sulle scorte di uranio fissate dell'intesa entro dieci giorni.

Chi ha convinto Trump a non attaccare? Un conduttore di Fox

Ha parlato con generale e diplomatici, con parlamentari e con i suoi consiglieri. Ma tra la varie voci che hanno convinto Donald Trump a revocare all'ultimo minuto l'attacco all'Iran mercoledì sera c'è quella di Tucker Carlson, uno dei suoi conduttori preferiti di Fox News. Lo scrive il New York Times, che ricostruisce come i consiglieri per la sicurezza nazionale di Trump volessero colpire, mentre Carlson avrebbe detto al presidente Usa che reagire con la violenza alle provocazioni di Teheran sarebbe stata una follia. E avrebbe aggiunto che i falchi non hanno a cuore gli interessi di Trump e che se avesse ordinato l'attacco avrebbe potuto scordarsi di essere rieletto nel 2020.

Merkel: «Serve una soluzione politica»

La comunità internazionale deve cercare una soluzione politica alla questione dell'Iran, ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel dopo che ieri il presidente Usa Donald Trump ha rivelato di aver disdetto alli"ultimo minuto un attacco su obiettivi iraniani in rappresaglia per l'abbattimento di un drone Usa. Parlando all'assemblea annuale delle chiese protestanti, Merkel ha aggiunto che il tema Iran sarà affrontato la prossima settimana durante la riunione del G20 in Giappone, quantomeno a livello bilaterale. «Ci deve essere una soluzione politica ed è ciò su cui stiamo lavorando» ha detto Merkel, secondo quanto riferisce Reuters.