16 settembre 2019
Aggiornato 02:00
Per una più efficace strategia contro i trafficanti

L'Ue disposta a inviare truppe in Libia

I piani europei per una campagna militare contro i trafficanti di esseri umani che operano in Libia includono anche l'opzione del ricorso a truppe di terra in territorio libico. Oltre alla campagna aerea e navale, le truppe di terra potrebbero servire per distruggere le imbarcazioni dei trafficanti.

BRUXELLES (askanews) - La Commissione europea ha dato il suo via libera alla nuova agenda dell'Unione sull'immigrazione. Lo ha annunciato il capo della diplomazia europea Federica Mogherini su Twitter, ringraziando il presidente Jean Claude Juncker e i colleghi Frans Timmermans e Dimitri Avramopoulos per «l'eccellente lavoro di squadra».

Aperta l'opzione del ricorso alle truppe di terra
I piani europei per una campagna militare contro i trafficanti di esseri umani che operano in Libia includono anche l'opzione del ricorso a truppe di terra in territorio libico. L'ipotesi è contenuta nel testo di 19 pagine sulla strategia Ue che dovrebbe essere approvato lunedì 18 maggio durante la riunione dei ministri degli Esteri e dell'Interno dei Paesi dell'Unione.

Campagna aerea e navale
Secondo il documento, la missione europea si esplicherebbe attraverso una campagna aerea e navale nel Mediterraneo e nelle acque territoriali libiche, con il via libera delle Nazioni unite. Ma operazioni di terra in Libia potrebbero rendersi necessarie per distruggere le imbarcazioni dei trafficanti di uomini, prima del loro utilizzo. «Una presenza a terra potrebbe essere presa in considerazione se sarà raggiunto un accordo con le autorità competenti», si legge nel documento dell'Ue, di cui il Guardian ha ottenuto una copia.