15 dicembre 2019
Aggiornato 22:00
Oggi e domani previsti meeting del Gruppo di contatto

Russia: qualcuno in Europa vuol far fallire la pace in Ucraina

Il Gruppo di contatto per l'Ucraina tenta il rilancio dei negoziati per l'Est del Paese ex sovietico, sempre in bilico tra cessate il fuoco e timori di ripresa delle violenze. Un abbozzo di ripresa sul dialogo per arrivare alla totale applicazione degli accordi di Minsk, accompagnata da scambi di accuse tra Mosca e Kiev.

MOSCA (askanews) - Il Gruppo di contatto per l'Ucraina tenta il rilancio dei negoziati per l'Est del Paese ex sovietico, sempre in bilico tra cessate il fuoco e timori di ripresa delle violenze. Un abbozzo di ripresa sul dialogo per arrivare alla totale applicazione degli accordi di Minsk, accompagnata da scambi di accuse tra Mosca e Kiev. La Russia, in particolare, oggi punta il dito contro il governo ucraino - nonchè contro «qualcuno in Europa» - sospettato di voler far fallire la via per la pace.

Le accuse della Russia
«Non vorrei crederlo, ma ci sono segnali che fanno pensare che qualcuno nell'Unione europea vorrebbe permettere alle autorità ucraine di non applicare questi accordi, inclusi quelli di Minsk», ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov dopo un incontro con il ministro degli Esteri austriaco a Mosca. Secondo cui «sembra che a Bruxelles e in altre capitali dell'Ue si ritenga che solo la Russia debba applicare gli accordi di Minsk»«L'intensificazione delle attività dell'esercito ucraino prima della riunione del Gruppo di contatto può essere vista solo come un tentativo di mandare all'aria» la ripresa del dialogo, ha detto iLavrov, secondo le agenzie russe.

Ripetute violazioni del cessate-il fuoco
Negli ultimi gironi ci sono state ripetute violazioni del cessate-il-fuoco nel Donbass: solo ieri Kiev ha riferito della morte di due soldati, negando tuttavia ogni responsabilità per otto morti a Donetsk, quasi tutti civili secondo i leader separatisti della regione. Oggi, poi un volontario ucraino è stato ucciso. I timori sono concentrati su Mariupol, ultima grande città dell'Est separatista ancora nelle mani di Kiev, dove si teme una nuova offensiva dei secessionisti. Una riunione del gruppo di contatto «trilaterale» (Ucraina, Russia, Osce) per il conflitto nell'Est dell'Ucraina è in programma oggi a Minsk, mentre domani è previsto anche un meeting anche con i rappresentanti dei separatisti filorussi.