6 ottobre 2022
Aggiornato 22:30
La crisi ucraina

Donetsk, 34 civili uccisi nelle ultime 24 ore

Nella stessa zona, l'esercito ucraino ha registrato nove morti e 22 feriti nelle ultime 24 ore mentre non vi è alcun bilancio delle vittime fra i ribelli filorussi. Intanto un team della Croce Rossa in avanscoperta nella tormentata Lugansk.

DONETSK - E' di almeno 34 morti e 29 feriti il bilancio delle vittime civili nei combattimenti avvenuti nelle ultime 24 ore fra ribelli filo-russi e truppe ucraine nella regione di Donetsk: lo hanno reso noto fonti governative locali.
Nella stessa zona, l'esercito ucraino ha registrato nove morti e 22 feriti nelle ultime 24 ore mentre non vi è alcun bilancio delle vittime fra i ribelli filorussi.
Oltre che nei sobborghi di Donetsk i combattimenti sono ripresi anche nelle località di Lugansk e Ilovaisk, dove le truppe di Kiev avrebbe riconquistato la maggior parte della cittadina controllata dalle milizie ribelli.

Team Croce Rossa in avanscoperta in tormentata Lugansk - Nessuna tregua nell'Est dell'Ucraina, neppure per un team della Croce rossa mandato in avanscoperta nella semidistrutta Lugansk, mentre i convogli umanitari sono ancora bloccati questa mattina al confine tra la Russia e l'Ucraina, sconvolta dalla guerra. Nel frattempo il responsabile delle attività del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) in Europa e Asia centrale, Laurent Korba è arrivato a Mosca per discutere le questioni della sicurezza per gli aiuti umanitari destinati ai residenti delle città sotto assedio.
Il team della Croce Rossa è stato inviato a Lugansk, nella città dove gli scontri continuano più intensi e le forze di Kiev hanno fatto irruzione dopo un assedio di 17 giorni. Gli esperti devono valutare la situazione della sicurezza degli aiuti umanitari dalla Russia. Ma il carico ancora non sarebbe partito. Secondo l'agenzia RIA Novosti il movimento della colonna di camion con aiuti umanitari non è ancora ripreso, benché i primi 16 Kamaz stiano già al checkpoint «Donetsk»; l'ispezione del carico non è stata compiuta, e il secondo lotto di 16 camion resta in un parcheggio nei pressi della città Kamensk Shatinsky.