15 novembre 2019
Aggiornato 21:30
Le rivelazioni di Wikileaks

Wikileaks, Assange «esagera»: online tutti i dispacci USA

Non è chiaro se i documenti pubblicati sono stati «depurati» dai nomi delle persone coinvolte. I media ex partner di Assange: «Questa volta ha sbagliato»

LONDRA - WikiLeaks, il sito di Julian Assange specializzato nella divulgazione di documenti segreti, ha affermato di aver pubblicato sul suo sito Internet la totalità dei 251.287 dispacci diplomatici americani in suo possesso. Sul suo account Twitter, WikiLeals ha annuncia la diffusione di «251.287 cablogrammi diplomatici americani, consultabili con l'aiuto di parole chiave», fornendo l'indirizzo del sito internet che li ospita, senza precisare se i documenti siano stati o meno «depurati» dai nomi delle persone coinvolte. Guardian, New York Times, El Pais e Der Spiegel: «Questa volta Assange ha sbagliato».

Rischi per le persone citate? - WikiLeaks, irraggiungibile questa mattina, aveva minacciato ieri di diffondere la versione integrale dei dispacci, malgrado le cautele delle organizzazioni dei diritti umani e degli Stati Uniti sul rischio che ciò potrebbe rappresentare per le persone citate.
Finora, WikiLeaks aveva rivelato in varie riprese parte dei cablogrammi diplomatici a sua disposizione. Aveva pubblicato una prima serie di circa 20mila documenti a partire dalla fine dello scorso anno. Questa pubblicazione, «spalmata» su più mesi, era avvenuta in partnership con molti giornali, fra cui il New York Times e il Guardian (Regno Unito), che hanno eliminato dai documenti i nomi dei contatti o delle persone accusate.
WikiLeaks aveva fornito negli ultimi giorni una nuova consegna di circa 134.000 telegrammi diplomatici americani, di cui molti nella loro integrità. La totalità dei cablogrammi diplomatici in mano a WikiLeaks è ormai consultabile per parola chiave, inserendo o il nome di un Paese, o la data di un dispaccio o la sua provenienza , all'indirizzo (http://www.cablegatesearch.net/search.php).

I media ex partner di Assange: «Questa volta ha sbagliato» - Le testate che si erano associate a Wikileaks nella prima pubblicazione dei cablogrammi del Dipartimento di Stato Usa hanno criticato la scelta di mettere in rete il resto dei documenti senza un filtro preventivo. «Deploriamo la decisione di pubblicare i cablo non rivisti che può mettere alcune fonti in pericolo» hanno affermato Guardian, New York Times, El Pais e Der Spiegel in un comunicato congiunto.
«Difendiamo ciò che abbiamo fatto in collaborazione con Wikileaks, ma siamo uniti nel condannare la pubblicazione dei dati completi, che non era necessaria» scrivono i quattro giornali precisando che «la decisione di pubblicare da parte di Julian Assange è stata sua e sua soltanto».