19 novembre 2019
Aggiornato 06:30
Marea nera

La Bp nega che Hayward sia vicino alle dimissioni

Parla il portavoce dell'azienda: «Ha il sostegno del consiglio di amministrazione»

NEW YORK - Bp ha negato le voci secondo cui l'amministratore delegato Tony Hayward sarebbe in procinto di lasciare la società. Una portavoce del colosso petrolifero britannico, Sheila Williams, ha detto che «Tony sta guidando la società in un modo forte e solido e ha il sostegno del consiglio di amministrazione».

Il Times of London ha riportato ieri, citando fonti vicine alla società, che Tony Hayward sarebbe pronto a farsi da parte entro le prossime 10 settimane. La sua credibilità è stata minata da una serie di clamorosi errori di pubbliche relazioni, culminati con un'imbarazzante audizione al Congresso americano il mese scorso.
Il Times ha parlato di «crescenti aspettative» sulla partenza di Hayward tra la fine di agosto e settembre. «Sarebbe difficile trovare chiunque all'interno della società che non lo ritenga compromesso irreparabilmente, sia dalla sua performance che dall'evento in sé», ha detto la fonte del quotidiano inglese.
Ma Daren Beaudo, un altro portavoce di Bp con base a Houston, ha detto che «non c'è verità nell'articolo» e che «Hayward non se ne va».