31 marzo 2020
Aggiornato 05:00
La Costa Rica ha dimostrato che si può fare

Hawaii: obiettivo 100% rinnovabili entro il 2045

Per raggiungere il traguardo è stata approvata una legge dove sono stati previsti stanziamenti per 26 miliardi di dollari. Oltre all'ambiente, la norma porterà un grande vantaggio alle tasche dei cittadini. Lo Stato infatti dovendo importare il 93% del suo fabbisogno energetico ha le bollette dell'elettricità fra le più alte del Paese

WASHINGTON – Le Hawaii vogliono diventare il primo Stato degli Usa a soddisfare il proprio fabbisogni energetico sfruttando unicamente fonti rinnovabili, entro il 2045. Per raggiungere l'obiettivo è stata approvata una legge dove sono stati previsti stanziamenti per 26 miliardi di dollari. Manca solo l'approvazione del governatore, David Ige, che ha tempo fine a fine giugno per convalidare il progetto normativo.

UNA SCELTA CHE FARÀ RISPARMIARE - Oltre all'ambiente, la norma porterà un grande vantaggio alle tasche dei cittadini delle Hawaii. Lo Stato infatti dovendo importare il 93 per cento circa del suo fabbisogno energetico ha le bollette dell'elettricità fra le più alte del Paese. «E’ un passo significativo per i nostri sforzi di ridurre la dipendenza delle Hawaii dalle costose importazioni di petrolio e per indirizzare lo Stato verso una maggiore sicurezza energetica, ambientale ed economica», ha commentato a Climate Central, Mark Glick, responsabile per l’Energia delle Hawaii.

GIÀ OGGI 22% ELETTRICITÀ DA RINNOVABILI - Lo Stato non dovrà partire da zero per raggiungere il suo obiettivo: le Hawaii oggi producono il 22 per cento della propria energia elettrica grazie all'eolico e al solare. Con il progetto di legge Clean Energy Initiative le isole dell'arcipelago nell'oceano Pacifico intendono rimpiazzare il restante 78 per cento proveniente da fonti tradizionali con energia pulita prodotta dall'idroelettrico, dalle biomasse, dalla geotermia, dall'idrogeno o dal moto ondoso.

I DUBBI DELL'ESPERTO, L'ESPERIENZA DEL COSTA RICA - Anthony Kuh, direttore del Renewable Energy e Sustainability Group presso l’Università delle Hawaii a Manoa, ha descritto l'obiettivo 100 per cento rinnovabili come molto ambizioso, aggiungendo però che una grossa mano al progetto può venire dalle nuove tecnologie per conservare energia e dalle reti di trasmissione intelligenti. Secondo lo scienziato: «Noi probabilmente non abbiamo ancora la tecnologia per fare tutto oggi, ma abbiamo tempo per realizzarla». In realtà la sfida di soddisfare il proprio fabbisogno energetico solo grazie alle rinnovabili non è impossibile nemmeno oggi. Nei mesi scorsi la Costa Rica ha dimostrato che è possibile farlo, annunciando al mondo di aver consumato solo energia pulita per 75 giorni consecutivi grazie ad una sapiente combinazione di geotermico e idroelettrico.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal