16 luglio 2024
Aggiornato 05:30
Biennio 2012-2013: 238 morti per la disoccupazione

L'Italia della crisi: un suicidio ogni 60 ore

Il numero dei tentati suicidi risulta raddoppiato rispetto al 2012: sono, infatti, 86 le persone che nel 2013 hanno provato a togliersi la vita per motivazioni riconducibili alla crisi economica, tra cui 72 uomini e 14 donne, contro i 48 casi complessivi registrati nel 2011.

ROMA - Il numero dei tentati suicidi risulta raddoppiato rispetto al 2012: sono, infatti, 86 le persone che nel 2013 hanno provato a togliersi la vita per motivazioni riconducibili alla crisi economica, tra cui 72 uomini e 14 donne, contro i 48 casi complessivi registrati nel 2011. Il numero più elevato di tentativi di suicidio si registra ancora una volta tra coloro ai quali la crisi economica ha portato via il lavoro ma anche la speranza di proseguire o ricostruire altrove il proprio percorso professionale. Seguono gli imprenditori e i lavoratori dipendenti.

CALA LA FIDUCIA  DEI CONSUMATORI - La spiegazione di questo preoccupante fenomeno speciale trova una delle ragioni nella difficoltà di superare problemi economici che spinge verso l'isolamento e il silenzio e vede crescere il disagio sociale. La fiducia dei consumatori scende perché ad ottobre quasi la metà (42 per cento) riesce a pagare appena le spese senza permettersi ulteriori lussi, mentre oltre 3 milioni di famiglie (14 per cento) non hanno oggi reddito a sufficienza neanche per l'indispensabile a vivere. E' quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixè divulgata a commento del dato Istat sulla discesa a ottobre dell'indice di fiducia dei consumatori a 101,4 da 101,9 di settembre.

ECCO GLI ITALIANI DELLA CRISI ECONOMICA - Appena il 39 per cento degli italiani vive senza affanni mentre - sottolinea la Coldiretti - più della metà (56 per cento) ha ridotto la spesa o rimandato l'acquisto di capi d'abbigliamento riciclando dall'armadio per l'autunno gli abiti smessi nel cambio stagione, ma la stessa percentuale ha anche detto addio a viaggi e vacanze mentre il 47 per cento a dovuto rinunciare ad affrontare addirittura le spese dentistiche. A seguire nella classifica delle rinunce si collocano - sottolinea la Coldiretti - la frequentazione di bar, discoteche o ristoranti nel tempo libero, dei quali ha fatto a meno ben il 47 per cento.  Il 41 per cento degli italiani ha rinunciato all'auto o alla moto e il 40 per cento agli arredamenti. Pesa l'addio alle attività culturali del 37 per cento degli italiani in un Paese che deve trovare via alternative per uscire dalla crisi, ma anche quello ai generi alimentari (29 per cento) che è quello che fa registrare quest'anno l'aumento maggiore (+16 per cento). Gli italiani nei primi anni della crisi - sottolineano Coldiretti/Ixe' - hanno rinunciato soprattutto ad acquistare beni non essenziali, ma poi hanno iniziato a tagliare anche sul cibo riducendo al minimo gli sprechi e orientandosi verso prodotti low cost. In queste condizioni - conclude la Coldiretti - l'eventuale aumento dell'Iva avrebbe ulteriori effetti depressivi sui consumi con l'aggravio di spesa per le famiglie italiane che sarebbe di 1,35 miliardi all'anno per la frutta e 650 milioni per il pane mentre per le uova fresche sarebbe di 100 milioni di euro, ma molti altri prodotti verrebbero colpiti dall'aumento dell'Iva dal 4 per cento e dal 10 per cento ad una aliquota unica del 15 per cento, prevista come clausola di salvaguardia della legge di Stabilita'.