5 giugno 2020
Aggiornato 12:30
Mercato dell'energia

Gazprom-ENI, sconto su prezzo del gas

La firma è stata posta dall'amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi e dal numero uno di Gazprom Aleksey Miller nel corso del Forum di San Pietroburgo. Gazprom: «Contratto con la Cina lancia competizione su gas russo con UE»

SAN PIETROBURGO - Gazprom ha firmato con l'italiana Eni un accordo per la correzione dei prezzi delle forniture del gas. La firma è stata posta dall'amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi e dal numero uno di Gazprom Aleksey Miller nel corso del Forum di San Pietroburgo.

CAMBIAMENTO IMPORTANTE - L'accordo sulla revisione dei contratti di approvvigionamento del gas «prevede una riduzione dei prezzi delle forniture e un cambiamento importante nelle modalità di indicizzazione assicurando il pieno allineamento con il mercato», sottolinea l'Eni in una nota. Inoltre, «nel 2014 la capacità di Eni di recuperare gas prepagato all'interno delle clausole di 'take or pay' sarà significativamente aumentata», spiega la società. I termini dell'accordo si applicano retroattivamente dall'inizio del 2014. L'accordo di oggi «rappresenta un cardine dell'impegno di Eni di rinegoziare tutti i contratti di fornitura gas a lungo termine con terze parti, con l'obiettivo di disporre di un portafoglio di approvvigionamenti pienamente competitivo», afferma la società.

LA COMPETIZIONE CINESE - Il contratto trentennale per forniture di gas alla Cina apre la corsa alle risorse russe, secondo Gazprom che si aspetta «un impatto sui prezzi del gas nel mercato europeo». Lo ha detto il numero uno gruppo russo Gazprom Aleksey Miller. Gazprom e CNPC mercoledì ha firmato un contratto per la fornitura alla Cina di 38 miliardi di metri cubi di gas all'anno per 30 anni. Il costo totale della fornitura di gas in Cina sarà pari a 400 miliardi di dollari, ed è il più grande contratto nella storia di Gazprom. Il prezzo del gas è legato al prezzo del petrolio. «Presumiamo che questo contratto avrà un impatto sui prezzi del gas nel mercato europeo, in primo luogo. In secondo luogo, è iniziata finalmente la competizione per le risorse di gas russo», ha detto Miller. Tuttavia, Miller ha assicurato che Gazprom rimarrà un fornitore affidabile per l'Europa. «Siamo in grado di fornire gas per quanto il mercato richiederà. Se parliamo di Europa, siamo stati e saremo un fornitore affidabile», ha detto Miller.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal