21 ottobre 2021
Aggiornato 21:30
Il difficile momento che attraversa tutta l'economia dei paesi dell'Unione europea

Draghi: “aumento dell'inflazione più pesante. Rialzo dei tassi inevitabile”

ll Governatore della Banca d'Italia a Dublino difende la decisione della BCE di alzare i tassi d'interesse

«A fronte di un inflazione più pesante, seppur temporaneo, vi è un aumento dei costi interni di produzione». Così da Dublino il governatore della Banca d'Italia Mario Draghi sottolinea il difficile momento che attraversa tutta l'economia dei paesi dell'Unione europea. In riferimento al rialzo dei tassi d'interesse deciso dalla Banca Centrale Europea Draghi ha aggiunto che «vi è qualche indicazione che nei giorni successivi all'azione della Bce, l'inflazione derivata dai mercati finanziari ha smesso di crescere».

«Continuiamo ad essere preoccupati - ha concluso Draghi - ma l'azione della Bce è stata appropriata». Nel suo discorso il governatore ha rilevato che l'aumento del costo della vita, registrato a partire dal 2007, «è temporaneo», sebbene oggi appaia «più persistente di quanto ci aspettavamo alcuni mesi fa».