16 ottobre 2019
Aggiornato 22:00

Dalla Francia all'Austria: riprende subito il viaggio della Ferrari

La corsa della Scuderia non finisce neanche alla bandiera a scacchi: a pochi giorni di distanza dall'ultima gara si torna già in pista, sul circuito dello Spielberg

SPIELBERG – Il weekend di gara si conclude la domenica sera e, per quanto possono vedere gli appassionati, inizia al giovedì mattina. Ma per una squadra di Formula 1, la corsa non finisce mai. Domenica sera, i camion della Scuderia Ferrari hanno infilato le tortuose strade che scendono dal Paul Ricard, congestionate dal traffico, per arrivare a Maranello in tempo per una revisione delle vetture e del materiale. Parte della squadra, intanto si è trasferita direttamente in Austria, per allestire le strutture di garage e paddock. Il resto arriverà a Spielberg in questi giorni.

Incognita atmosferica
Siamo ormai in piena estate e la gara della Stiria è quasi sempre stata un classico della stagione vacanziera (anche se ci sono eccezioni: nel 1997 tornò in calendario a fine settembre). Una ragione di più per aspettarsi una bella affluenza di pubblico, in una regione famosa per i panorami e l’accoglienza. Le strutture alberghiere non mancano, ma per lo più a livello familiare, per cui il personale del paddock si sparpaglia nei paesi tutto intorno alla pista. Il tracciato è stato modificato negli anni: quello originale sfruttava l’aerodromo locale, era lungo appena 3,2 km e somigliava all’attuale solo nei... tempi sul giro, estremamente ridotti. Lo scorso anno in qualifica si è girato sul piede dell’1:04 e c’è da pensare che in questa edizione (le mescole di pneumatici a disposizione sono soft, supersoft e ultrasoft) si arriverà poco sopra il minuto. Meteo permettendo, perché al momento le previsioni danno possibilità di temporali, almeno fino a venerdì.