23 agosto 2019
Aggiornato 15:30

Solo un contatto priva Aleix Espargarò di una meritata top-10

Da rimarcare il distacco contenuto rispetto al vincitore in appena 15 secondi dopo 25 giri. Con i 5 punti ottenuti oggi, Aleix porta il suo bottino a quota 18: il triplo rispetto alla stessa gara della scorsa stagione

Aleix Espargarò in azione a Jerez
Aleix Espargarò in azione a Jerez ANSA

JEREZ - Ottima la gara di Aleix Espargaró a Jerez de la Frontera. Scattato dalla sesta fila, il catalano ha recuperato ben quattro posizioni nel corso del primo giro. Il suo ritmo, specialmente nella seconda fase della corsa, sempre sul passo del 38.5 è stato assolutamente in linea con quello delle posizioni a ridosso del podio. Recuperando terreno giro dopo giro, Aleix stava preparando l'attacco alla nona posizione di Nakagami e solo un contatto sul finale, nel corso di un sorpasso, gli ha precluso una meritata top-10. Da rimarcare il distacco contenuto rispetto al vincitore in appena 15 secondi dopo 25 giri. Con i 5 punti ottenuti oggi, Aleix porta il suo bottino a quota 18: il triplo rispetto alla stessa gara della scorsa stagione.

Gara solida di Bradley Smith, che nelle prime fasi ha dovuto fare i conti con la mancanza di decisione nella bagarre, non essendo impegnato in gara a tempo pieno. Il collaudatore Aprilia ha poi trovato il suo ritmo, seppur limitato da un feeling non ottimale con l'anteriore. Ha lottato fino alla fine con Oliveira, sul quale ha avuto la meglio per la diciassettesima piazza.

Andrea Iannone, dopo la brutta caduta di ieri, non ha potuto prendere parte alla gara visto il parere negativo del Centro Medico. Il pilota di Vasto ha vissuto la gara con la sua squadra dal muretto dell'Aprilia Racing Team Gresini.

ALEIX ESPARGARO'

"Nella primissima parte della gara ho faticato a trovare trazione, ma dopo soli cinque o sei giri ho iniziato a sentirmi più a mio agio e a girare con un buon ritmo. La situazione è migliorata ulteriormente negli ultimi dieci giri, nei quali sono stato decisamente consistente: ho iniziato a recuperare terreno sul gruppo di piloti di fronte a me e sapevo di poter lottare con Nakagami e con Crutchlow, al quale ci stavamo avvicinando. Purtroppo non è stato possibile perché Miller mi ha colpito quando l’ho superato; ero già completamente all’interno della curva ed è stato un urto abbastanza violento, fortunatamente sono riuscito a evitare la caduta. Ciò però ci ha fatto perdere una posizione nei confronti di Bradl. La gara è stata la nostra migliore sessione in pista del weekend e questo mi rende felice: in questo momento è importante ottenere sempre il massimo e non commettere errori, e oggi ci siamo riusciti. Domani sarà una giornata di test molto importante. Sarò il primo a scendere in pista, continuiamo a lavorare sodo per migliorare».

BRADLEY SMITH

"All'inizio della gara ero un po' arrugginito, poi le cose sono migliorate. Purtroppo la scelta della gomma media anteriore non mi ha aiutato a essere incisivo in frenata, ma non sono riuscito a provare molto la mescola dura con la RS-GP ed ho intenzione di sfruttare i test di domani anche per questo. Questa mattina ho avuto un ottimo feeling, ma le alte temperature del pomeriggio hanno cambiato le cose. Sul finale sono riuscito a guidare meglio e ad essere più deciso nella lotta con gli altri piloti. Nel complesso un weekend positivo per il tipo di lavoro che stiamo portando avanti».

ANDREA IANNONE

"Mi dispiace di non essere potuto scendere in pista. Ieri nelle FP4 sembrava avessimo trovato una direzione positiva per il weekend, purtroppo la scivolata ci ha impedito di continuare nel nostro lavoro. Spero di poter tornare in forma e in sella al più presto, resto positivo e fiducioso».