18 giugno 2019
Aggiornato 03:00
Calciomercato

Icardi-Inter: novità in vista del derby col Milan

Il centravanti argentino è sempre ai margini della formazione nerazzurra, sempre in attesa di un confronto con la presidenza

Mauro Icardi, centravanti argentino dell'Inter
Mauro Icardi, centravanti argentino dell'Inter ( ANSA )

MILANO - Niente trasferta di coppa a Francoforte: Mauro Icardi resta fuori dal progetto tecnico dell’Inter, ormai separato in casa da quando Spalletti e la dirigenza nerazzurra hanno deciso di togliergli la fascia di capitano a seguito delle polemiche riguardanti un rinnovo di contratto mai arrivato. Da allora, ecco i malanni al ginocchio paventati da Icardi e la stizza della società, poco propensa a credere ai guai di natura fisica posti dal calciatore per non essere convocato; Marotta è fortemente irritato, Spalletti non ne parliamo, i tifosi interisti sono sul piede di guerra nei confronti di un attaccante che tutto sta dimostrando tranne che quell’attaccamento alla maglia e ai colori che ha viceversa sempre dichiarato di avere.

Tregua possibile

Nelle ultime ore dall’ambiente interista filtra un maggior ottimismo sulla vicenda e Icardi e l’Inter appaiono un po’ vicini, soprattutto perché entrambe le parti si rendono conto che, anche a fronte di una ormai certa cessione a giugno, rimanere in questa situazione fino alla fine della stagione non conviene a nessuno. I segnali parlano di armistizio dopo il confronto fra l’attaccante, Marotta e Spalletti, anche se Icardi ne chiede uno anche col presidente Steven Zhang, fuori Milano però sino al 18 marzo; e così l’Inter ha giocato senza la punta argentina la trasferta in Coppa Uefa contro l’Eintracht Francoforte, giocherà la sfida di domenica in campionato a San Siro con la Spal e, soprattutto, l’importantissimo derby col Milan in programma domenica 17 e che precede il ritorno di Zhang in Italia. Senza il confronto con il proprietario cinese, infatti, Icardi non rimetterà piede in campo e Spalletti dovrà fare ancora a meno di lui almeno per altre tre settimane.