18 novembre 2018
Aggiornato 05:30

Verso Juventus-Manchester Utd: tutti i dubbi di Allegri

Contro gli inglesi, i bianconeri vanno a caccia del quarto successo di fila in Coppa Campioni, ma i problemi di formazione per il tecnico juventino non mancano
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus (ANSA)

TORINO - La gara dello Juventus Stadium contro il Manchester United di José Mourinho potrebbe regalare alla Juve l’aritmetica qualificazione agli ottavi di finale di Coppa dei Campioni con ben due turni di anticipo, il primo posto nel raggruppamento e lanciare i bianconeri verso il record di 6 vittorie su 6 nella fase a gironi, impresa solo sfiorata da Marcello Lippi e da Fabio Capello, ma mai completata dal club piemontese.

INFORTUNI - I campioni d’Italia hanno già vinto le tre partite iniziali e puntano al bottino pieno, anche se per Massimiliano Allegri (13 successi in 14 gare stagionali finora) preparare la sfida agli inglesi dopo il 3-1 di campionato contro il Cagliari non sembra così semplice e scontato, non tanto per le motivazioni dei suoi calciatori, quanto per alcuni problemi di formazione legati ad acciacchi ed infortuni di diversi elementi della squadra e che costringono il tecnico livornese a porsi delle riflessioni in vista della scelta dell’undici da mandare in campo stasera (inizio ore 21).

FORMAZIONE - Chiellini a Mandzukic hanno regolarmente lavorato con il gruppo dopo aver entrambi saltato la sfida di campionato di sabato sera e sono del tutto recuperati. I grattacapi per Allegri, invece, arrivano da Blaise Matuidi che ha svolto lavoro personalizzato dopo la contusione all’anca e che sarà disponibile seppur con riserva; piccola apprensione anche per Cancelo, alle prese con un lieve affaticamento muscolare che non lo terrà comunque fuori dalla sfida di coppa, mentre le maggiori preoccupazioni le destano Douglas Costa (problemi muscolari all’adduttore della coscia) e Federico Bernardeschi (vittima ancora dei postumi di una distorsione alla caviglia sinistra), entrambi indisponibili per il Manchester.

4-3-3 - Allegri manderà così in campo la squadra col solito 4-3-3: Szczesny fra i pali, difesa con Cancelo (o De Sciglio), Bonucci, Chiellini ed Alex Sandro, a centrocampo il trio Khedira (che torna così dal primo minuto), Pjanic e Bentancur, con Dybala, Mandzukic e Cristiano Ronaldo a comporre il tridente d’attacco.