18 dicembre 2018
Aggiornato 20:00

Il Milan ha già deciso: Conte per Gattuso a giugno

Continuano a rincorrersi le voci sulla prossima guida tecnica dei rossoneri

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan
Gennaro Gattuso, allenatore del Milan (ANSA)

MILANO - Possono arrivare vittorie, pareggi o sconfitte, ma Gennaro Gattuso continuerà a vivere questa stagione col pesante fardello di un destino già segnato e con l'ombra ingombrante di Antonio Conte che si staglia alle sue spalle. Non bastano le rassicurazioni di società e dirigenza a fermare le voci su un possibile cambio sulla panchina rossonera, con l'ex tecnico della Juventus pronto a sedersi in sostituzione del calabrese. Del resto, è il segreto di Pulcinella che da almeno 4 anni Conte è il sogno del Milan, inseguito da Silvio Berlusconi nel 2015 e poi dalla proprietà cinese l'anno scorso, fino ad arrivare ai colloqui di Leonardo con il tecnico leccese, frenato dal contenzioso economico col Chelsea più che dalla reale volontà del Milan di preferirgli la conferma di Gattuso.

Vox populi, vox dei
E le voci non si placano neanche ora che l'allenatore rossonero è stato più e più volte rassicurato da tutti, anzi, la figura di Antonio Conte è sempre presente, nelle partite, negli allenamenti e nelle conferenze stampa di Gattuso che almeno una volta a settimana deve rispondere alle domande sul suo possibile successore. Convinti che il Milan abbia già scelto Conte per la prossima stagione sono in molti, e non solo fra i tifosi che hanno invaso nelle ultime settimane i social network chiedendo l'immediato cambio in panchina; secondo il Corriere della Sera, ad esempio, qualunque sarà il risultato del Milan quest'anno, a giugno Gattuso lascerà il posto all'ex commissario tecnico della Nazionale, motivo per il quale i rossoneri non cercheranno altri allenatori anche in caso di tracolli nella stagione in corso, sicuri che in estate l'allenatore pugliese sbarcherà a Milanello. Convinti quasi tutti anche nella redazione della Gazzetta dello Sport: Alberto Cerruti si dice certo che quando un nome inizia a circolare con insistenza, alla fine rappresenterà la realtà dei fatti e che al Milan davvero inseguono Conte per il prossimo anno; dello stesso avviso anche il collega Carlo Laudisa, secondo cui i colloqui fra Conte e la dirigenza milanista sono sempre più fitti. Una situazione complicata per un Gattuso che, risultati a parte, sembra sempre più schiacciato da una figura che potrebbe rappresentare la ripartenza rossonera dalla prossima estate.