19 settembre 2018
Aggiornato 05:30

Raikkonen re del venerdì a Singapore, Vettel a muro

Raikkonen da record già al venerdì, ma Hamilton non molla. Errore di Vettel, scintille e vernice via dal muro. Tutti i dettagli delle prove libere del Gran Premio di Singapore
La Ferrari di Kimi Raikkonen in azione durante le prove libere del GP di Singapore 2018
La Ferrari di Kimi Raikkonen in azione durante le prove libere del GP di Singapore 2018 (ANSA)

SINGAPORE - Kimi Raikkonen s’illumina nella notte di Singapore. Il finlandese fa segnare la migliore prestazione, ma attenzione a Hamilton: è a solo 11 millesimi. Vettel costretto a fermarsi in anticipo dopo aver toccato il muro con la sua SF71-H. Le prove libere di Singapore ci mostrano un quadro già noto, con la sfida Ferrari-Mercedes che continua. Raikkonen sigla il nuovo record del circuito di Marina Bay in 1:38.699, ben 8 decimi sotto la Pole Position del 2017 di Sebastian Vettel. Vicinissima però la Mercedes infatti, anche se Bottas non brilla a causa di un lungo nel suo giro lanciato, Lewis Hamilton ferma il cronometro a un nulla dal tempo del ferrarista.

Variabile muri
Come in ogni circuito cittadino i muri possono fare differenza. Se ne sarà sicuramente accorto Sebastian Vettel, impossibilitato di completare la sessione di prove dopo aver ‘baciato’ il muro in uscita di curva 21. Dopo essere tornato ai box la macchina è stata ispezionata dai meccanici. Evidente la perdita di liquido rosa dalla sua vettura, probabilmente liquido refrigerante. «Non è ideale perdere tempo in pista ma fortunatamente conosco bene la pista, domani la chiave sarà trovare il giusto bilanciamento», ha dichiarato il pilota tedesco dopo la seconda sessione di libere. C’è anche Charles Leclerc tra le vittime del tracciato: il monegasco dell’Alfa Romeo-Sauber colpisce violentemente il muro nella prima sessione di prove libere. Sospensione danneggiata per lui.

Hamilton ci crede
Nonostante sulla carta il circuito di Singapore sembri non essere l’ideale per la Mercedes il pilota britannico vola nella simulazione qualifica, e ora ci crede. «Questo circuito è davvero incredibile e aspetto con ansia le qualifiche», ha detto il quattro volte campione del mondo. «Siamo davvero molto vicini», aggiunge poi.

Attenzione alla Red Bull
Dominatrice nella prima sessione di libere la Red Bull conclude la seconda sessione a 5 decimi dalla vetta, ma attenzione alla simulazione passo gara. Il team austriaco è il più veloce nel long-run dimostrandosi più costante di Mercedes e Ferrari con la gomma UltraSoft. «Abbiamo margine di miglioramento», sostiene Max Verstappen. Il numero 33 continua poi raccontando come la sua macchina abbia sofferto di sottosterzo impedendo al pilota di sfruttare al meglio un pacchetto aerodinamico apparentemente molto a suo agio tra le 23 curve del circuito di Singapore. Dati non affidabili quelli del long-run secondo Sebastian Vettel in quanto non ci è possibile conoscere i carichi di benzina.
Adesso non ci resta che attendere l’esito delle qualifiche che scatteranno domani alle 15:00 italiane.