Milan: Sandro obiettivo per il centrocampo

Dalla sconfitta di sabato sera contro l'ultima in classifica i rossoneri potrebbero aver trovato un rinforzo per l'organico della prossima stagione
Il brasiliano Sandro a contrasto con Zapata durante Milan-Benevento
Il brasiliano Sandro a contrasto con Zapata durante Milan-Benevento (ANSA)

MILANO - La clamorosa debacle di sabato sera a San Siro contro il Benevento che ha gettato nel ridicolo il Milan oltre a metterne a rischio anche la qualificazione Uefa, fa ancora parlare il calcio italiano, alla pari o quasi della partitissima scudetto fra Juventus e Napoli. Milan capace di concedere (o regalare, fate voi) 4 punti su 6 alla peggior squadra della storia della serie A e che nell'ultimo mese ha parzialmente rovinato un lavoro splendido iniziato lo scorso 30 dicembre e che aveva portato i rossoneri alle soglie del quarto posto, grazie al lavoro di Gennaro Gattuso, chiamato a sostituire l'esonerato Vincenzo Montella.

Rinforzo brasiliano

Proprio l'ultimo complicato periodo nella stagione milanista ha messo in evidenza alcune lacune nella rosa della formazione meneghina, soprattutto nella zona centrale del campo dove ora mancherà anche Lucas Biglia e dove nè Bonaventura e nè Kessie hanno i sostituti adeguati, tanto che entrambi sono costretti a giocare sempre ed in tutte le condizioni possibili. La gara contro il Benevento, oltre all'onta della sconfitta contro l'ultima della classe, ha però portato alla luce la prestazione di grande sostanza, esperienza e temperamento del centrocampista brasiliano Sandro, colonna dei campani, uno che alle soglie dei trent'anni è finito a giocare nel fanalino di coda della serie A a causa di molteplici e seri problemi fisici che ora pare aver definitivamente superato, tanto che già un paio di formazioni spagnole si sono interessate a lui. Difficile che il centrocampista resti a Benevento in serie B, possibile però che voglia proseguire la sua avventura italiana, magari proprio nel Milan che qualche informazione la sta già chiedendo. Sandro sarebbe ovviamente un rinforzo che faccia volume all'organico 2018-2019 e non certo un titolare, ma in fondo Gattuso alla sua dirigenza chiede proprio questo per rendere maggiormente competitiva la sua rosa.