17 luglio 2019
Aggiornato 06:00

Inter: Icardi a rischio per il derby

Il centravanti argentino non sembra ancora nelle migliori condizioni fisiche e la sua presenza per le gare contro Benevento e Milan è incerta

Mauro Icardi, centravanti dell'Inter e della nazionale argentina
Mauro Icardi, centravanti dell'Inter e della nazionale argentina ANSA

MILANO - L'ultima partita l'ha giocata il 27 gennaio a Ferrara contro la Spal, giusto un mese fa. Poi di Mauro Icardi si son perse le tracce, complice un fastidio al ginocchio che sembrava lieve a tal punto dal metterlo nelle condizioni di poter essere convocato per le gare contro Crotone, Bologna e Genoa, invece saltate dal capitano nerazzurro che ha continuato ad allenarsi a parte senza più giocare. Un infortunio che si sta rivelando più serio e rognoso del previsto, tanto che Icardi è in forte dubbio anche per la partita che l'Inter giocherà sabato sera a San Siro contro il Benevento.

Derby a rischio

La punta sudamericana continua infatti a lavorare da solo e ad avere problemi al ginocchio, nonostante la sua voglia di giocare a tutti i costi e nonostante anche Spalletti voglia provare a portarselo almeno in panchina con la possibilità di entrare a partita in corso e scendere in campo per almeno una ventina di minuti. Ma lo staff medico frena, teme che far rientrare Icardi ora possa causarne una ricaduta ed un infortunio peggiore che ne metta a repentaglio il proseguimento della stagione e soprattutto i mondiali che a giugno l'Argentina giocherà in Russia. L'infortunio non è grave ma fastidioso e l'attaccante interista rischia fortemente di saltare anche il derby col Milan del prossimo 4 marzo, o comunque di non arrivarci nelle migliori condizioni dopo oltre un mese di stop. L'impressione è che l'Inter provi a recuperarlo per sabato, valutandone condizioni e miglioramenti, ma che l'obiettivo principale sia riaverlo per la stracittadina milanese, il crocevia del campionato per entrambe le compagini meneghine; del resto, i fatti dimostrano che l'Inter senza Icardi è tutt'altra cosa ed il suo recupero fondamentale. I tifosi interisti incrociano le dita, i milanisti, sotto sotto, gongolano un po'.