Sport | Coppa Italia Tim Cup

Calhanoglu inchioda Montella: «Ecco la grande differenza con Gattuso»

Da quando è arrivato il neo allenatore del Milan, il rendimento del fantasista turco è cresciuto in maniera esponenziale. Merito della cura Gattuso e dei limiti di Montella.

Hakan Calhanoglu, fantasista turco del Milan
Hakan Calhanoglu, fantasista turco del Milan (ANSA)

MILANO - «Da quando c'è Gattuso sono più motivato, mi ha spiegato che i miei problemi non erano nei piedi ma nella testa, mi ha detto di rilassarmi e mi ha motivato. Ora riesco a trovare gli spazi giusti e gioco meglio». È questa la sintesi estrema del pensiero di Hakan Calhanoglu, il fantasista turco rigenerato dalla cura Gattuso. «Tutti si aspettavano molto da me, ma all'inizio non sono riuscito a esprimermi come volevo, anche per un infortunio, ma soprattutto perchè prima non avevo mai giocato nel 3-5-2 che voleva Montella. Rispetto l’ex allenatore del Milan, ma con lui ho avuto difficoltà ad adattarmi. Adesso invece mi trovo perfettamente a mio agio».

Ora si corre
L’intensità degli allenamenti, una delle grandi novità portata dal tecnico calabrese, sembra non dispiacere affatto al numero 10 rossonero, a lui così come a tutti i suoi compagni, visto che da quando Gattuso è diventato l’allenatore della prima squadra, il Milan ha ricominciato a correre: «Il mister era aggressivo da calciatore e sta trasmettendo la stessa grinta e lo stesso ritmo con cui giocava - le parole di Calhanoglu nella conferenza stampa di vigilia di Milan-Lazio -. Adesso vincere la Coppa Italia è uno dei nostri obiettivi principali e sarebbe fantastico, visto come è iniziata la stagione e i problemi che abbiamo avuto. Ma anche per quanto riguarda il campionato nulla è impossibile, compreso il quarto posto».