Sport | Calcio

Sconcerti: "Conte-Milan? Qualcosa so che accadrà...."

Il tecnico pugliese resta il grande obiettivo dei rossoneri per la prossima stagione

Antonio Conte, allenatore del Chelsea ed obiettivo del Milan per la prossima stagione
Antonio Conte, allenatore del Chelsea ed obiettivo del Milan per la prossima stagione (ANSA)

MILANO - Nonostante il buon lavoro che Gennaro Gattuso sta svolgendo in questo primo periodo da tecnico rossonero, il Milan continua a sognare l'arrivo in panchina di Antonio Conte, ormai obiettivo dichiarato di Marco Fassone per la stagione 2018-2019. L'allenatore leccese è ormai al passo d'addio col Chlesea, in crisi in campionato ed eliminato pure in Coppa di Lega e non ha mai nascosto la volontà di tornare a lavorare in Italia, nonostante i sondaggi di Real Madrid e Paris Saint Germain e la pressione della Federcalcio che vorrebbe riportarlo alla guida della Nazionale dopo il fallimento di Ventura e la mancata qualificazione ai mondiali di Russia. Il Milan è da tempo sulle tracce di Conte, forse l'uomo migliore per garantire ai rossoneri una ripartenza con mentalità vincente e l'esperienza giusta in panchina per impostare un lavoro che parta da basi solide e precise, sfruttando anche la campagna acquisti della scorsa estate.

Segnali di intesa

Del possibile approdo di Antonio Conte sulla panchina milanista ha parlato anche Mario Sconcerti, noto giornalista, scrittore ed oggi anche commentatore televisivo per la redazione sportiva della Rai: "Conte non è più felice a Londra - afferma Sconcerti - sa che non può più migliorare le cose al Chelsea ed inoltre è un italiano vero, uno che sta male lontano da casa; ha capito che la sua avventura all'estero è finita e si sta guardando intorno. Che possa finire al Milan? Io sinceramente non so che disponibilità economiche abbia la società rossonera, ma sicuramente può sfruttare il parco giocatori che ha e che è buono, effettuando qualche operazione, anche di scambio, può tornare una formazione competitiva anche per il vertice. Penso che Conte sia affascinato da un progetto simile, sa che la serie A è un campionato peggiorato rispetto agli anni scorsi e sa anche che il suo lavoro sarebbe un valore aggiunto; io so che ci sta pensando, così come sta pensando al ritorno come commissario tecnico dell'Italia. Di sicuro c'è che se Conte torna nel campionato italiano lo farà vestendosi di rossonero".