20 ottobre 2019
Aggiornato 23:00

Russia 2018 in tv: vince Mediaset, ma la Rai ha l’asso nella manica

La Fininvest approfitta del caos televisivo per strappare ai rivali le partite della coppa del mondo, ma la tv di stato non molla

La Coppa del Mondo 2018 sarà visibile in chiaro sulle reti Mediaset
La Coppa del Mondo 2018 sarà visibile in chiaro sulle reti Mediaset ANSA

MILANO - Festa grande nel quartier generale di Mediaset dopo l’ufficialità dei diritti tv dei prossimi mondiali di Russia acquistati dal biscione per la prima volta nella storia. Dopo l’eliminazione dell’Italia dalla coppa del mondo, Sky e Rai si erano infatti defilate notevolmente dopo aver detenuto in esclusiva e semi esclusiva i diritti delle ultime tre edizioni, favorendo l’inserimento Fininvest dapprima in sordina e poi in maniera massiccia; Mediaset annuncia che tutte le 64 partite di Russia 2018 saranno visibili in chiaro su Rete 4, Canale 5 ed Italia 1, un evento, quello di assistere senza pay-tv all’intera manifestazione, che non si verificava da Corea-Giappone 2002, l’ultima edizione iridata esclusivamente appannaggio della Rai.

Via Teulada replica

Esulta Mediaset, scottata ancora dal parziale flop dell’esclusiva della Coppa dei Campioni avuta per tre anni e che non ha portato l’incremento di abbonamenti a Premium come da Cologno Monzese speravano, e che ora può rallegrarsi per aver strappato i mondiali ai rivali, seppur senza la nazionale azzurra. E alla Rai cosa dicono? Dopo aver perso negli anni prima l’esclusiva della Formula 1, poi le coppe europee di calcio, adesso anche la coppa del mondo sfugge dall’azienda televisiva di stato che calcisticamente non può ritrovarsi con in mano solo le partite dell’Italia, la Coppa Italia ed i posticipi del lunedì della serie C; ecco che allora la Rai prepara il contrattacco tentando l’incursione sulle gare in chiaro del prossimo triennio della Coppa Campioni, la cui esclusiva è tornata a Sky dopo il triennio firmato Mediaset. La più importante manifestazione europea per club che dal prossimo anno conterà nuovamente 4 squadre italiane fisse nella fase a gironi, potrebbe essere il colpo di coda che restituisca credibilità a Rai Sport, garantendo dirette, approfondimenti e speciali sulla Coppa dei Campioni, l’unico modo per ingoiare meno dolorosamente l’ennesima scelta a risparmio di una televisione sempre meno calcistica.