20 giugno 2019
Aggiornato 21:30

Bacca e tutto il veleno nei confronti di Montella

La notizia del cambio di panchina al Milan ha fatto il giro del mondo e l’ex centravanti rossonero non ha nascosto il suo rancore nei confronti del tecnico campano con cui mai ha legato a Milanello

Carlos Bacca e Vincenzo Montella in un'istantanea milanista del campionato 2016-2017
Carlos Bacca e Vincenzo Montella in un'istantanea milanista del campionato 2016-2017 ( ANSA )

VILA-REAL - Che fra Carlos Bacca e Vincenzo Montella non corresse buon sangue lo si sapeva da tempo, da quando l’ormai ex allenatore del Milan aveva assunto la guida della squadra rossonera e cercato in tutti i modi di liberarsi del centravanti colombiano, poco adatto al gioco voluto dal tecnico napoletano ed impegnato solo a finalizzare senza partecipare alla manovra. I due hanno convissuto nella stagione 2016-2018 fra utilizzi part time della punta sudamericana e un lento trascinarsi fino alla fine del campionato e fino alla cessione in prestito di Bacca al Villarreal dove l’attaccante sembra aver ritrovato la vecchia vena realizzativa.

Veleno

Ma l’astio fra Bacca e Montella sembra essere ancora vivo, e soprattutto il rancore del calciatore si fa largo prepotentemente ora che l’odiato tecnico è stato sollevato dal suo incarico di allenatore del Milan. Sul proprio profilo Twitter, infatti, Bacca ha così commentato la notizia del licenziamento di Montella: «Dios tarde pero nunca olvida», ovvero «In ritardo, però Dio non dimentica». Una frecciata pesantissima nei confronti del suo ex allenatore, giunta proprio nel momento di massima difficoltà dello stesso tecnico che per oltre un anno si è battuto per la cessione del colombiano che, molto chiaramente, non ha né gradito e né tantomeno dimenticato.