26 giugno 2022
Aggiornato 04:30
Calcio | Nazionale

Chelsea, grandi novità in società: il Milan osserva

Antonio Conte è l’obiettivo numero uno del club rossonero per la panchina della prossima stagione, logico quindi che si tenga sotto controllo la situazione a Stamford Bridge. È di ieri la notizia delle dimissione del ds Emenalo, protagonista di scontri vivaci con il tecnico italiano.

L'allenatore del Chelsea Antonio Conte
L'allenatore del Chelsea Antonio Conte Foto: ANSA

MILANO - E proprio quando tutti aspettavano addirittura l’esonero di Antonio Conte, ecco cambiati completamente gli scenari in casa Chelsea. Prima la vittoria scaccia crisi sul Manchester United, storico avversario dei Blues, guidato tra l’altro dal nemico numero uno del tecnico italiano, Josè Mourinho; poi la notizia giunta ieri dal quartier generale di Roman Abramovich che potrebbe gettare una nuova luce sul futuro societario e di conseguenza anche su quello della panchina del club campione d’Inghilterra. Ci riferiamo naturalmente alle dimissione dello storico direttore sportivo del Chelsea Michael Emenalo, uomo mercato dei Blues da 10 anni e figura tanto importante quanto ingombrante.

Scontro frontale
Malgrado le parole di circostanza diffuse nella giornata di ieri da Antonio Conte («Sono molto dispiaciuto di vederlo andar via, mi ha aiutato tanto qui. Gli auguro il meglio»), non è un mistero che i due si siano spesso scontrati su questioni legate alla costruzione e alla gestione della squadra. Famosi quelli relativi al caso Diego Costa, di fatto messo alla porta dall’allenatore leccese con un sms estivo, e l’ultimo relativo a David Luiz, indicato da Conte come il principale responsabile della disfatta all’Olimpico contro la Roma e per questo mandato addirittura in tribuna contro i Red Devils. 

Causa scatenante
Ebbene, pare che questa sia stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, quella che ha portato alle dimissioni di Emenalo. Una notizia che potrebbe non far piacere al Milan perchè di fatto rafforza la posizione dell’ex ct azzurro all’interno del Chelsea e ne aumenta considerevolmente il potere. 
Basterà al presidente Roman Abramovich e al capo del dipartimento finanziario Marina Granovskaia per riuscire a trattenere Conte a Londra anche la prossima stagione?