Calcio - Serie A

Milan, la rivolta della famiglia Donnarumma

Dopo l’attacco frontale del cognato di Gigio nei confronti del Milan («società di pagliacci») è arrivato il bis del fratello di Donnarumma Antonio: «Ci attaccate senza sapere nulla». Sarà anche vero, ma allora perchè non ci spiegate cosa è successo?

Il portiere del Milan Donnarumma
Il portiere del Milan Donnarumma (ANSA)

MILANO - Prima è toccato al cognato di Gigio, Alfredo Paoletti, con un post su Instagram poi prontamente rimosso che recitava testuale: «Chi ti critica non ti merita, Milan società di pagliacci». Oggi invece è toccato al consaguineo più prossimo del portierone di Castellammare di Stabia, il fratello e collega di ruolo Antonio Donnarumma. L’ex estremo difensore dell’Asteras Tripolis, anche lui approfittando di Instagram, ci ha tenuto a dire la sua difendendo il baby prodigio di famiglia e attaccando vigorosamente tutti quelli che si sono schierati contro la decisione di Raiola e del suo assistito di non rinnovare con il Milan.

Insulti senza sapere
«Mi rivolgo a tutte le persone che non stanno facendo altro che insultare Gigio e tutta la nostra famiglia. Gigio sin da piccolo è tifoso del Milan, per lui giocare con la maglia del Milan è un sogno, ha sempre onorato e dato l'anima per questi colori, ha pianto per ogni sconfitta. Fino a ieri eravate tutti con Gigio, ora senza sapere nulla state insultando tutta la famiglia, scrivendo frasi che la nostra famiglia non augura nemmeno al peggior nemico. La nostra famiglia ha gioito e pianto con tutti voi tifosi, il Milan ha una storia incredibile e nessuno può metterlo in dubbio. Per le persone che hanno scritto messaggi a favore di Gigio ci tengo a dire che voi avete capito davvero che persona è Gigio. Qualunque gesto che ha fatto e qualunque frase ha detto o scritto, l'ha fatto davvero per amore del Milan. Gigio è soprattutto un tifoso del Milan, come voi. E chi lo insulta non è tifoso del Milan, ora potete anche riempire di insulti questa foto, ma la famiglia lasciatela stare. Loro ci hanno sempre insegnato i veri valori della vita, per quelli che invece continuano a dire che io devo ringraziare Gigio perché mi dà i soldi, vi dico che a me mai nessuno ha regalato qualcosa. Ogni anno lotto per guadagnare quello che mi merito, grazie».

Spiegateci le ragioni
Una sola cosa verrebbe da chiedere al fratello maggiore di Gigione: sarà pure vero che i tifosi del Milan stanno attaccando la famiglia Donnarumma senza sapere niente, ma perchè non ce lo spiegano loro cosa è successo e perchè da un momento all’altra si è consumato uno dei più incredibili voltafaccia della storia del calcio? Sarebbe una buon modo per chiarire le idee a tutti e spiegare le ragioni di una scelta, ai più apparsa incomprensibile.