28 giugno 2017
Aggiornato 15:30
Calciomercato Milan

Niang, futuro in bilico tra Watford e Toro: il Milan ci prova per Belotti

Non è più così sicuro il riscatto dell’attaccante francese da parte degli inglesi del Watford. Se l’ex rossonero dovesse tornare a Milanello però potrebbe diventare un’importante pedina di scambio per arrivare a Belotti.

Il Gallo Belotti e M'Baye Niang
Il Gallo Belotti e M'Baye Niang (ANSA)

MILANO - Sembrava tutto fatto per il riscatto di M’Baye Niang da parte del Watford, il club inglese nel quale l’ex Montpellier gioca in prestito da gennaio. Sembrava, appunto, perchè poi all’improvviso qualcosa è cambiato. Nella fattispecie la decisione della dirigenza degli Hornets di concludere prematuramente il rapporto con l’allenatore italiano Walter Mazzarri che tanto si era speso per far arrivare l’attaccante francese a Londra.

I dubbi del Watford

Adesso al Watford si aprono nuovi scenari, a partire dalla scelta del tecnico (l’attuale allenatore dell’Hull City Marco Silva appare il candidato numero uno) e conseguentemente potrebbero cambiare tanto i piani societari - riscattare o meno Niang - quanto la voglia del calciatore di restare in Inghilterra.

Un problema in più per Fassone e Mirabelli che contavano di recuperare quei preziosi 18 milioni già fissati con il Watford per il riscatto e che adesso rischiano di ritrovarsi con il problema di trovare una nuova collocazione al bizzoso attaccante parigino. 

Il richiamo granata

A dirla tutta, un’opportunità nel caso in cui l’affare con il club inglese saltasse ci sarebbe. Niang è sempre stato un pupillo di Sinisa Mihajlovic e non è escluso che i dirigenti rossoneri vogliano provare a fare leva sul desiderio del tecnico serbo di riabbracciare la sua vecchia punta per poi convincere Cairo a cedere Belotti.

Il francese potrebbe essere offerto ai granata come contropartita tecnica, in l’aggiunta ai vari Kucka, Poli e il portiere Gabriel, oltre naturalmente a una cinquantina di milioni, indispensabili per solleticare l’ingordigia del Toro.

Il colpo dell'anno

Chissà che in questa maniera, trasformando quindi un problema in un'opportunità, non si possa concretizzare il colpo di mercato dell’anno. Si tratterebbe indubbiamente dell'opzione che renderebbe maggiormente felice il popolo milanista, già schierato in maniera compatta a favore del bomber della nazionale - peraltro grande tifoso rossonero - evocato a più riprese con l'hashtag #BelottiMilan.