24 gennaio 2020
Aggiornato 05:00
Il Cavallino si ferma al terzo posto nei test di oggi a Barcellona

Riscossa Mercedes: Bottas record. Si schianta la Ferrari di Raikkonen

Le Frecce d'argento si riprendono grazie al nuovo arrivato Valtteri, che stacca il miglior tempo stabilito finora in questi test. Prima giornata no per la Rossa, che a causa dell'incidente di Kimi non riesce a fare più di 53 giri

Valtteri Bottas in azione nei test a Barcellona
Valtteri Bottas in azione nei test a Barcellona Mercedes

BARCELLONA – La Ferrari sarà anche «la favorita», come ha confessato appena ieri (non senza qualche scetticismo) Lewis Hamilton, ma la corazzata Mercedes non è certo da meno. Lo ha dimostrato oggi Valtteri Bottas, che di turno in turno appare sempre più a suo agio con la sua nuova monoposto: nella seconda giornata della seconda settimana di test pre-campionato ha approfittato delle gomme supersoft per staccare il nuovo miglior tempo del circuito di Barcellona, un 1:19.310. A breve distanza da lui si è piazzato Felipe Massa, confermando le buone impressioni emerse ieri quando si era issato in testa alla classifica: con le più performanti ultrasoft ha infatti portato la sua Williams a poco più di un decimo dal pilota finlandese. Entrambi hanno fatto decisamente meglio dei rispettivi compagni di squadra: il giovane debuttante Lance Stroll è quinto, a oltre un secondo da Massa, mentre Lewis Hamilton nel pomeriggio non è andato oltre la sesta posizione, addirittura a 1.4 secondi da Bottas, ma avendo girato solo con le gomme soft e dunque senza andare in cerca del tempone.

Primo incidente per la Rossa
Il mercoledì catalano è stato invece il primo giorno dal bilancio decisamente negativo per la Ferrari: colpa di un incidente di Kimi Raikkonen, finito in testacoda e poi contro le barriere alla curva 3 quando la sessione pomeridiana era iniziata da poco meno di due ore. I danni riportati dal muso e dalla fiancata sinistra della sua SF70H gli hanno impedito di tornare in pista e dunque alla fine Iceman si è dovuto fermare ad appena 53 giri percorsi, il migliore in 1:20.406, dunque in terza posizione. Non malissimo, nonostante tutto: a parità di gomme soft, ha infatti rifilato comunque quasi tre decimi alla Mercedes di Hamilton, ma si è preso un secondo da Bottas che ha girato con pneumatici più veloci. Guai anche per la Red Bull, che ha dovuto parcheggiare alla curva 12 a venti minuti dalla fine delle prove, proprio mentre Max Verstappen stava terminando una simulazione di gara. In ogni caso, il giovane olandese è stato lo stakanovista di giornata, dall'alto dei suoi 102 giri percorsi, con un tempo stabilito al mattino che lo ha portato in quarta piazza, a una manciata di millesimi da Raikkonen. I test riprenderanno domani mattina alle 9.