23 luglio 2024
Aggiornato 16:30
Il nostro campione tira sempre, anche in Spagna

Lo scoop degli spagnoli: «Valentino Rossi passa in F1». Ma è una bufala...

I giornalisti iberici prendono sul serio la provocazione della Mercedes e raccontano di una conferenza stampa in cui il Dottore avrebbe dato il clamoroso annuncio. Ma in realtà si tratta solo della loro versione del pesce d'aprile...

Valentino Rossi nel box Yamaha
Valentino Rossi nel box Yamaha Foto: Michelin

ROMA – Come spesso accade, anche nelle storie più fantasiose si nasconde un fondo di verità. E in effetti, anche stavolta, a lanciare davvero l'amo, qualche settimana fa, è stato il team principal della Mercedes in persona, Toto Wolff. Che a caldo, poco dopo l'annuncio shock del ritiro del campione del mondo Nico Rosberg, aveva sparato la sua provocazione: «Un'ipotesi è quella di offrire la macchina a Valentino Rossi oppure Jorge Lorenzo». Il Dottore, dal canto suo, è stato allo scherzo: «Ci vado io a correre – gli ha risposto – Ovviamente non penso di essere all’altezza di una monoposto del genere, ma sarebbe bello... Se vogliono chiamarmi, Wolff il mio numero ce l'ha».

Dichiarazioni inattese
Una suggestione che deve aver affascinato molto la stampa spagnola, se è vero che il sito specializzato Solo Moto si è spinto al punto di raccontare una conferenza stampa, convocata al Ranch di Tavullia, in cui il nove volte iridato avrebbe annunciato il suo passaggio alla Formula 1 e alle Frecce d'argento per la prossima stagione: «Sono molto contento di fare questo passo nella mia carriera – le parole di Vale riportate dai giornalisti iberici – Molti anni fa fui sul punto di passare alla F1 e pensavo che ormai questa chance fosse persa, ma dopo la chiamata di Toto mi sono convinto che era ancora possibile. È stata una decisione difficile, ma ho pensato: ora o mai più. In MotoGP stanno arrivando tanti nuovi talenti, come Maverick Vinales, Andrea Iannone, Alex Rins, ed è giunto il momento che io ceda il passo. Il Mondiale ha i migliori piloti del mondo, quindi non morirà nessuno». Uno scoop clamoroso, dunque, narrato nei minimi dettagli. Se non fosse per un piccolo particolare: quella conferenza stampa non è mai avvenuta, quell'annuncio non è mai stato dato.

Scherzo riuscito
È stata la stessa testata a svelare il mistero, poche ore dopo. Si è trattato di una «inocentada», ovvero di uno scherzo in occasione del giorno dei Santi innocenti, il 28 dicembre, che in Spagna corrisponde al nostro primo aprile. Dunque, quella notizia bomba che tanti ignari lettori hanno preso per vera era in effetti nulla più di una bufala in piena regola. L'unico dubbio che resta, semmai, è perché per la loro personalissima versione del pesce d'aprile, gli spagnoli abbiano dovuto proprio prendere a prestito il più amato degli idoli italiani dei motori. Forse per vendicarsi, simpaticamente, dei suoi innumerevoli scontri con Jorge Lorenzo e Marc Marquez? O, più probabilmente, perché anche da quelle parti il nostro Valentino Rossi resta il personaggio più seguito in assoluto delle due ruote?