2 giugno 2020
Aggiornato 13:30
L'ultima suggestione del mercato piloti: un dream team con Vettel

Pazza idea: la Ferrari corteggia Lewis Hamilton

Il campione del mondo sarebbe stato contattato due volte da Maranello. Pronta ad offrirgli più soldi della Mercedes, con cui le trattative sono arenate. Lui ci scherza su: «I tifosi me lo chiedono. E dell'Italia mi piace tutto»

MARANELLO – Dopo Sebastian Vettel, un altro big della Formula 1 potrebbe approdare alla corte di Maranello: Lewis Hamilton. Ancor prima dell'inizio del Mondiale 2015, ci si comincia già a interrogare sul mercato piloti in vista della stagione successiva. E da sistemare resta ancora il pezzo più pregiato del puzzle: proprio il campione del mondo in carica, il cui attuale contratto con la Mercedes scade a fine anno. Le trattative le sta conducendo di persona, visto che da quando licenziò il padre Anthony non si avvale più dei servigi di un manager. E con il suo attuale datore di lavoro sono già ad uno stato avanzato, come lui stesso ha confermato alla stampa inglese.

«Spero che siamo nelle fasi finali – ha raccontato – Non so realmente quali siano le scadenze, ma siamo più o meno nelle fasi finali». Le voci parlano di un'offerta record da 1,5 milioni di dollari a settimana: indiscrezioni smentite da Hamilton, che però ammette che dal prossimo anno sarà lui il pilota più pagato in Formula 1. «Non dipende dal fatto che io sia il campione del mondo – ha spiegato – ma solo da una progressione naturale all'interno del team. Man mano che il team progredisce, voglio farlo anche io. Il mio obiettivo, come quello di ogni pilota, è lavorare verso il meglio».

Eppure le trattative tra Hamilton e la Mercedes, come già accaduto più volte nel corso dell'inverno, continuano a slittare. Un fatto che sembra dare ragione a chi sostiene che il boss Toto Wolff sarebbe riluttante ad accettare le richieste multimilionarie del pilota inglese. E che apre la porta all'incredibile trasferimento alla Ferrari. Anche il Cavallino rampante, infatti, ha un pilota in scadenza a fine stagione, Kimi Raikkonen, e l'idea di formare un dream team con Sebastian Vettel manda in visibilio molti tifosi. Compresi i sostenitori italiani dello stesso Hamilton: «Ora la gente mi ferma e mi dice: "Vieni alla Ferrari» – ha dichiarato l'iridato al settimanale Autosprint – Il sostegno che ho avuto l'anno scorso a Monza è stato incredibile, totalmente differente dal 2007 e dal 2008. Dell'Italia mi piace il cibo, la passione, le belle ragazze. E fate un paio di auto molto belle. Cosa non mi piace? Nulla».

Secondo il giornale inglese Mirror, la Ferrari avrebbe avvicinato per ben due volte Hamilton l'anno passato, e sarebbe disposta a mettere sul piatto un'offerta economica da capogiro, pari a quella sulla quale invece la Mercedes frena. Ma i dirigenti delle frecce d'argento non vogliono nemmeno sentire parlare di un'ipotesi del genere. «Forse vi servite dal pusher sbagliato», ha scherzato Wolff. «Un nonsenso, Lewis sarà con noi anche il prossimo anno, vedrete – ha confermato il presidente Niki Lauda alla televisione Rtl – Non ci sono scadenze e non abbiamo pressioni perché Lewis ha un contratto con la Mercedes fino a fine anno. Ma ci sarà un nuovo contratto, di sicuro». Per ora, dunque, quella di Hamilton alla Ferrari resta solo una suggestione, molto affascinante ma poco concreta. Eppure, chi avrebbe mai pensato, un anno fa di questi tempi, di vedere Vettel sulla rossa?

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal