17 luglio 2019
Aggiornato 06:00

Mazzarri al vetriolo: «Non perdo tempo con Moratti»

Il tecnico dell’Inter, alla vigilia del delicato confronto di Europa League contro il St. Etienne risponde per le rime all’ex presidente nerazzurro: «Non voglio dispendere energie per queste cose».

MILANO - Si respira un’aria strana all’Inter. Il presidente è Tohir e Massimo Moratti è solo un ex, per quanto onorario, però fa ancora parte del consiglio d’amministrazione e il figlio Angelomario è l’attuale vice presidente nerazzurro. Se poi ci mettiamo che è sempre lui, il presidente del triplete, il personaggio più ambito dagli organi di informazione per ricevere ogni tipo di dichiarazione sul club, si capisce perché si faccia tutt’ora un po’ di confusione su chi sia realmente ad avere voce in capitolo e fino a che punto.

Dopo la partita contro il Napoli, conclusa con un pareggio per 2-2, siglato in pieno recupero da Hernanes, Moratti aveva espresso la propria opinione sull’andamento della squadra e sull’operato dell’allenatore: «Mazzarri è una persona seria - aveva detto il presidente onorario -, ma vediamo. Il calcio è pragmatico, dipende dai risultati e dai miglioramenti. È sempre la prossima partita quella che conta, finché rimane il pensiero o il progetto di crescita va bene. Se questa situazione dovesse decrescere allora lo vedo nei guai».

NON HO TEMPO DI PENSARE A MORATTI - Parole dure che devono essere arrivate dritte a destinazione e toccato duro l’amor proprio di WM, il quale non ha perso occasione per rispedire al mittente ogni tipo di considerazione sul suo conto: «Sono concentrato solo sulla partita di domani con il St. Etienne, non ho tempo di pensare alle parole di Moratti e di disperdere energie rispondendo a queste cose».

E a proposito di Europa League, Mazzarri sa perfettamente che quello contro i francesi potrebbe essere un match decisivo, non solo per il passaggio del turno, ma anche per far riacquistare ai suoi ragazzi quel pizzico di autostima necessaria a ripartire di slancio anche in campionato: «Il St.Etienne è una squadra che ha prestigio, da rispettare e che sta facendo bene nel suo campionato, ormai molto vicino a quello italiano. Nella partita di domani, chiunque giocherà dovrà dare il massimo per proseguire il percorso iniziato domenica sera».

DOBBIAMO DARE CONTINUITA' AI NOSTRI PROGRESSI - Al di là delle parole di Moratti, lanciate lì per scatenare evidentemente una reazione di qualche tipo, in casa Inter c’è soddisfazione per quanto dimostrato dalla squadra contro i partenopei: «Il primo tempo del Napoli – conferma Mazzarri - è quello che vorrei sempre vedere. Giocando così potremo essere competitivi e lottare per il terzo posto. Guardate Hernanes e Palacio. Ho potuto lavorarci durante la pausa e si sono trasformati. Vogliamo continuare sulla strada intrapresa contro il Napoli».

Purtroppo per l’Inter, il tecnico toscano è ancora alle prese con diversi problemi di formazione: «Siamo in totale emergenza in alcuni ruoli e quindi non è facile preparare queste partite così ravvicinate - ha spiegato in conferenza stampa il mister nerazzurro -. Da quando ho iniziato questo percorso però ho sempre detto di voler far rendere al massimo i miei giocatori, per questo cercherò di farli ruotare in base a chi avrò a disposizione».

VIDIC: CERCO DI ADATTARMI AL MODULO A TRE - Chiamato a salire sul banco degli imputati per un inizio stagione non proprio brillante, l’ex difensore centrale del Manchester United, Vidic, prova a spiegare il suo momento all’Inter: «Sto allenandomi e cercandomi di adattare al modulo a tre in difesa, in cui non avevo mai giocato. Continuo a lavorare duro per migliorare ancora. Mi sto preparando al meglio e sto bene, ma il miglior Vidic lo vedremo insieme ai miglioramenti di tutta l'Inter».

Se lo augurano i tifosi dell’Inter, con la speranza che non ci sia ancora troppo da aspettare. Il treno per i primi due posti sembra già irrimediabilmente perso e anche per quello per la terza piazza si sta allontanando pericolosamente.