2 aprile 2020
Aggiornato 15:30
Calcio | Coppa Italia Tim Cup

Vince la Roma, ma l'Inter è viva

All'Olimpico i giallorossi battono 2-1 l'Inter nella semifinale d'andata della Tim Cup: accade tutto nel primo tempo, con i due gol capitolini di Florenzi e Destro, e la rete di Palacio nel finale di frazione. Tante occasioni da gol per entrambe le squadre, si deciderà tutto nella gara di ritorno a San Siro in programma il 17 aprile

ROMA - Primo round alla Roma. All'Olimpico i giallorossi battono 2-1 l'Inter nella semifinale d'andata della Tim Cup: accade tutto nel primo tempo, con i due gol capitolini di Florenzi e Destro, e la rete di Palacio nel finale di frazione. Tante occasioni da gol per entrambe le squadre, si deciderà tutto nella gara di ritorno a San Siro in programma il 17 aprile.

La Roma parte forte e nei primi dieci minuti si fa vedere dalle parti di Handanovic con due conclusioni di Destro, la prima alta e la seconda centrale. Il gol è nell'aria e al 13' arriva puntuale: cross da destra di Piris e colpo di testa vincente di Florenzi. L'Inter prova a reagire subito, ma il destro potente di Guarin colpisce l'esterno del palo. E' un fuoco di paglia: la Roma prima (18') sfiora il raddoppio con un tiro di Lamela respinto sulla linea da Ranocchia, poi (33') lo realizza con un'incornata di Destro sul traversone da destra ancora di Piris. I nerazzurri vacillano e rischiano di capitolare quando Handanovic smanaccia maldestramente un cross di Destro, ma il pallone finisce sul legno. Nel finale di tempo reazione d'orgoglio dell'Inter che al 44' trova il gol con Palacio, abile ad anticipare tutti con un destro al volo su lungo lancio di Cambiasso. Si va al riposo sul 2-1.

Nella ripresa le due squadre cominciano al piccolo trotto, con gli ospiti che provano timidamente a far la partita. Al 53' serve un grande intervento di Marquinos per stoppare una pericolosa incursione di Guarin ben servito da Palacio. Sei minuti dopo ancora il colombiano parte in velocità e manda al lato un insidioso rasoterra. Al minuto 64 la clamorosa palla per il pari capita sui piedi di Palacio che sfrutta un erroraccio di Piris ma, a pochi metri dalla porta, conclude malamente e Stekelenburg blocca. Al 73' la Roma torna a farsi pericolosa ma Destro non riesce a chiudere il conto, svirgolando l'ottimo suggerimento volante di Florenzi. La partita si accende: Alvarez scatenato, prima non trova la porta di un soffio con un mancino a giro, poi mette tutti a sedere ma colpisce Perrotta al momento del tiro. Nel finale affiora la stanchezza e sia Inter che Roma sbagliano tanto, ma senza conseguenze: al triplice fischio fa festa l'Olimpico, ma i giochi restano aperti.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal