17 gennaio 2022
Aggiornato 02:00
Relazione EFSA

Nel 2020 in calo le malattie trasmesse dagli animali all'uomo

Gli esperti hanno riconosciuto l'impatto della pandemia di COVID-19 in Europa nel notevole calo delle malattie zoonotiche segnalate negli esseri umani

Nel 2020 in calo le malattie trasmesse dagli animali all'uomo
Nel 2020 in calo le malattie trasmesse dagli animali all'uomo Pixabay

La campilobatteriosi è stata malattia che possono essere trasmesse direttamente o indirettamente tra gli animali e l'uomo più segnalata nell'UE nel 2020, con 120.946 casi rispetto agli oltre 220.000 dell'anno precedente. È stata seguita dalla salmonellosi, che ha colpito 52.702 persone rispetto alle 88.000 del 2019. Anche il numero di focolai di origine alimentare segnalati è diminuito del 47%. Sono i risultati illustrati nella relazione annuale sulla zoonosi EU One Health, dell'Efsa e dell'Ecdc.

Gli esperti hanno riconosciuto l'impatto della pandemia di COVID-19 in Europa nel notevole calo delle malattie zoonotiche segnalate negli esseri umani, che vanno dal 7% al 53% a seconda della malattia segnalata in questione, e nelle epidemie di origine alimentare.

I possibili fattori alla base della grande diminuzione dei casi, spiega l'Efsa, includono cambiamenti nel comportamento di ricerca della salute, restrizioni sui viaggi e sugli eventi, chiusura di ristoranti, quarantena, blocco e altre misure di mitigazione come l'uso di maschere, distanza fisica e igienizzazione delle mani.

Le successive malattie più comunemente riportate sono state la yersiniosi (5.668) e le infezioni causate da E.coli produttore di Shigatoxin (4.446). La listeriosi è stata la quinta zoonosi più segnalata (1.876 casi), che colpisce principalmente le persone di età superiore ai 64 anni. Le infezioni da listeriosi e virus del Nilo occidentale sono state le malattie con i più alti tassi di mortalità e ospedalizzazione, con la maggior parte delle infezioni umane acquisite localmente da virus del Nilo occidentale segnalate in Grecia, Spagna e Italia.

Il rapporto monitora anche le epidemie di origine alimentare nell'UE, eventi durante i quali almeno due persone contraggono la stessa malattia dallo stesso cibo contaminato. Nel 2020 sono stati segnalati in totale 3.086 epidemie di origine alimentare. La Salmonella è rimasta l'agente più frequentemente rilevato e ha causato circa il 23% di epidemie. Le fonti più comuni di focolai di salmonellosi erano uova, prodotti a base di uova e carne di maiale.

Il rapporto include anche dati su Mycobacterium bovis/caprae, Brucella, Trichinella, Echinococcus, Toxoplasma gondii, rabbia, febbre Q e tularemia.