14 novembre 2018
Aggiornato 06:00

I superbatteri uccidono 33mila persone ogni anno in Europa. Italia tra i Paesi più colpiti

I batteri resistenti agli antibiotici sono causa di oltre 33mila decessi soltanto nell'Unione Europea. I Paesi più colpiti, manco a dirlo, Italia e Grecia
Antibiotici e batteri resistenti
Antibiotici e batteri resistenti (ESB Professional | shutterstock.com)

Batteri resistenti agli antibiotici, o superbatteri, sempre più agguerriti. A confermarlo è uno studio del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), che stima come circa 33mila nell’UE muoiano ogni anno dopo essere state infettate da questi batteri.

Morti in aumento
In base a quanto emerso dall’analisi, pubblicata sulla rivista Lancet Infectious Diseases, il numero di morti dal 2007 a oggi è aumentato in modo esponenziale. Nel 2007, infatti, si erano registrati circa 25mila decessi, mentre già nel 2015 si sono superati i 33mila. Secondo l’ECDC, il peso sulla sanità e sui cittadini di questi agenti patogeni è simile a HIV, influenza e tubercolosi combinati insieme. «Le infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici minacciano l’assistenza sanitaria moderna», scrivono i ricercatori. A essere più a rischio di gravi conseguenze sono i bambini e gli anziani, che segnano tre quarti delle infezioni contratte negli ospedali e nelle cliniche.

L’analisi e i Paesi più colpiti
Lo studio condotto dai ricercatori dell’ECDC si è basato sui dati del 2015, esaminando cinque tipi di infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici nell’Unione europea e nello Spazio economico europeo. Dai dati è emerso che l’Italia e la Grecia sono i Paesi di gran lunga più colpiti da questo tipo di infezioni, mentre i tassi di infezione erano più bassi nei paesi dell’Europa settentrionale. In Germania, per esempio, c’erano meno di 55mila infezioni da agenti patogeni resistenti ai farmaci e quasi 2.400 morti.

Una minaccia globale
Se da un lato l’Europa – e l’Italia – risulta seriamente minacciata dai batteri resistenti agli antibiotici, e le relative infezioni, anche nel resto del mondo la situazione è critica – tanto che l’antibiotico-resistenza è divenuta una minaccia globale. Gli esperti del settore sanitario hanno a lungo avvertito dei pericoli derivanti dall’aumento dei superbatteri e delle infezioni sempre più difficili da curare. Questi agenti patogeni si caratterizzano per essere in grado di resistere anche agli antibiotici più potenti, i quali sono utilizzati come ultima risorsa nei casi in cui non rimangono altre opzioni terapeutiche. Ne risulta che migliaia di persone sono a rischio di morire per queste infezioni. Se non si troveranno dei rimedi a questa situazione, l’umanità rischia di soccombere ai batteri che essa stessa ha creato.