20 ottobre 2019
Aggiornato 23:00
Animali e cancro

Ecco Missy, la gatta che ha salvato la sua padrona dal cancro al seno

Missina è una bellissima gattina che ha salvato la sua padrona dal cancro al seno. Ecco come ha fatto

Tutti gli animali sono degli esseri fantastici che condividono con noi parte della nostra esistenza. Ma una tenera gattina di nome Missy può essere considerata davvero speciale perché ha salvato più volte la vita alla sua padrona. È grazie a lei, infatti, se Angela – la sua mamma umana – è riuscita a combattere uno dei più temibili tumori femminili: il cancro al seno. Ecco tutti i dettagli di questa drammatica e amorevole vicenda.

Un gatto scontroso
Per quanto i nostri amici animali siano in grado di riempire positivamente le nostre giornate, è innegabile che alcuni di loro mostrino comportamenti un po’ particolari e apparentemente poco socievoli. Missy, per esempio, è una gattina dolce ma piuttosto scontrosa. Non è certo quel tipo di micio che ama stare accanto alla padrona, magari per farsi coccolare. Tutt’altro: lei è molto indipendente e non si lascia certo andare a strane effusioni.

Cosa è successo a Missy?
Proprio perché Angela Tinning conosce molto bene quello splendido felino che gira tra le mura domestiche, è rimasta particolarmente sbalordita quando – un giorno – ha visto la sua gatta sdraiarsi sul suo petto. Si tratta di un comportamento che non aveva mai adottato prima di allora, pareva quasi che la gatta stesse vegliando la donna. Poi, in maniera insolita, cominciò a toccare una zona ben precisa. «Il mio gatto non ama stare fermo ed è piuttosto esuberante, quindi è stato un comportamento abbastanza strano. Era sdraiata sul mio petto e continuava a toccare sempre la stessa area», racconta Angela.

Dolore
Solo grazie alle continue insistenze della gatta, Angela scoprì che quella zona era piuttosto dolorosa alla pressione delle sue zampine. Per questo motivo il giorno dopo si recò da un medico curante, il quale richiese ulteriori approfondimenti. E la biopsia, purtroppo, parlava chiaro: la parte indicata da Missy presentava delle cellule pre-cancerose. Per fortuna il cancro è stato diagnosticato precocemente e la donna non è stata sottoposta a cure invasive. «Se avessi aspettato, probabilmente sarebbe diventato un tumore e si sarebbe esteso in un'area molto, molto ampia. Penso che se non fosse stato per Missy, lo avrebbero trovato davvero molto tempo dopo», racconta Angela.

L’intervento
Per fortuna Angela è stata salvata dal tumore grazie un intervento di rimozione delle cellule pre-cancerose. Tuttavia, due anni dopo, la gatta cominciò nuovamente a comportarsi in maniera anomala. Focalizzando sempre la sua attenzione sulla zona precedentemente colpita dal cancro. E, infatti, dopo aver eseguito ulteriori approfondimenti diagnostici, i medici le hanno trovato nuovamente delle cellule canceros. In questo caso la donna ha dovuto subire una mastectomia. «Avevo sentito parlare di cani che avevano l'istinto di rilevare i tumori nei loro padroni ma non aveva mai sentito parlare di gatti. Tuttavia, avevo capito dal suo comportamento che qualcosa non andava bene.

Premio Hero Cat
Angela ha nominato la sua dolce Missy per il premio Hero Cat ai National Cat Awards e ora sta raccogliendo fondi per il Breast Cancer Care. «Breast Cancer Care è un'associazione eccezionale, e la cura, il supporto e le informazioni che mi hanno dato sono state inestimabili. Grandi o piccoli, i soldi che raccoglierò presto attraverso il Big Pink aiuteranno il Breast Cancer Care a trasformare la vita delle persone colpite dalla malattia, proprio come me», conclude Angela.

Leggi anche: Victoria, il cane che ha salvato la sua padrona dal cancro
Un cane annusava e guardava insistentemente la padrona in una precisa area del volto: aveva scovato un tumore

Ecco Jedi, il cane «medical detector» che ha salvato la vita al padroncino malato di diabete
Lui si chiama Jedi, e il piccolo padroncino di 7 anni Luke. La coppia «starwarsiana» è però divenuta famosa non per le imprese stellari, ma perché il cane Jedi fiutando un problema di glicemia e avvisando la madre, ha permesso di salvare la vita del bimbo

Vivere con un cane allunga la vita. Ecco perché
Uno studio svedese è riuscito a dimostrare come la compagnia di fido può migliorare la qualità della vita promuovendo la longevità. Il commento degli esperti della Simg