7 dicembre 2019
Aggiornato 10:30
Rischio cancro al seno

Avere un figlio a 35 anni aumenta dell’80% il rischio di contrarre il cancro al seno

Mettere al mondo il primo figlio intorno ai 35 anni mette a rischio di contrarre il cancro al seno

Cancro al seno: aumenta il rischio per le donne che hanno avuto i figli a 35 anni
Cancro al seno: aumenta il rischio per le donne che hanno avuto i figli a 35 anni Shutterstock

Attendere fino ai 35 anni di età prima di avere il primo figlio potrebbe aumentare vistosamente il rischio di contrarre il cancro al seno. Le probabilità aumenterebbero entro cinque anni dopo il parto. A suggerirlo sono stati alcuni scienziati dell'Università del North Carolina che sembrano aver stravolto il concetto di rischio di cancro al seno. Si è infatti sempre sostenuto che l’avere figli proteggesse da questa temibile malattia. A quanto pare, però, l’aumento delle probabilità non sarebbe correlato con il diventare madre o meno ma con l’età in cui si mette al mondo una nuova creatura.

Pericolo in età avanzata

Il fattore chiave, secondo gli scienziati, sarebbe l’età avanzata: avere il primo figlio troppo tardi (intorno ai 35 anni di età) aumenterebbe a dismisura il rischio di contrarre il cancro al seno, peggio se una donna ha messo al mondo un figlio anche dopo. L’unica buona notizia è che se avete già superato i cinque anni dall’ultimo parto, sappiate che ora le probabilità sono in forte diminuzione.

Perché accade?

In realtà i ricercatori non hanno saputo dare una risposta certa a questa domanda. Si sa solo che potrebbe esserci una relazione con la produzione di estrogeni. Quando si ha un’eccessiva produzione o si prendono terapie ormonali si può incappare nel cancro al seno. Tuttavia, pare che la gravidanza abbia un effetto protettivo, nonostante ci sia un aumento di tale ormone. La teoria è che gli estrogeni abbiano un effetto sulle cellule del seno e che possano alterare il loro DNA trasformandole in cancerose. Durante la gestazione, però, gli stessi ormoni potrebbero svolgere l’effetto opposto proteggendo la persona dal cancro.

Lo studio

Durante la loro indagine, gli scienziati hanno preso in esame i dati provenienti da 15 studi che hanno coinvolto quasi 890mila donne. Essendo che il rischio è aumentato nelle over 60 e in quelle con una storia familiare, i ricercatori hanno escluso questi volontari dal loro studio. Tra le donne che avevano ricevuto una diagnosi di cancro al seno prima dei 55 anni, la maggior parte lo aveva avuto entro cinque anni dal parto. Il rischio aumentava dell’80% rispetto alle donne che non avevano avuto figli. Questo valeva anche per le donne di età inferiore ai 50 anni. Anche se, «in questa fascia d'età, il tumore al seno non è comune», ha spiegato Hazel Nichols, epidemiologo dell'UNC. «Il rischio di sviluppare un cancro al seno è ancora basso, anche se hai avuto un bambino cinque anni prima».

Cancro al seno, le statistiche

Le statistiche ci dicono che il cancro al seno viene diagnosticato nel 2,4% delle donne intorno ai 50 anni di età e nel 3,56 in quelle che hanno compiuto 60 anni. Rischio bassissimo per le donne che avevano avuto un figlio prima dei 25 anni di età. Altissimo per chi ha avuto il primo figlio intorno ai 35 anni di età. «Questa è la prova del fatto che, proprio come i fattori di rischio di cancro al seno per le giovani donne possono differire dai fattori di rischio nelle donne anziane, ci sono diversi tipi di cancro al seno e i fattori di rischio per lo sviluppo di un tipo rispetto all'altro possono essere diversi», spiega il dottor Nichols.

Niente più figli a 35 anni?

Ovviamente no, i ricercatori ci tengono a sottolineare che non vogliono scoraggiare le donne ad avere figli a quell’età ma è importante che conoscano i rischi al fine di fare più controlli. «Vogliamo solo che le donne e i loro medici non pensino che avere un bambino sia sempre protettivo per il cancro al seno», concludono gli scienziati.