14 luglio 2024
Aggiornato 02:30
Il tanto discusso olio di palma

Olio di Palma, l'Efsa rivede il suo parere: non ci sono rischi per la maggioranza delle persone

Il tanto avversato olio di palma non sarebbe dannoso per la maggior parte dei consumatori, lo sostiene l'Efsa in un suo nuovo parere

Olio di palma
Olio di palma Foto: Shutterstock

ROMA – Dell'olio di palma si è già detto di tutto, e anche se è stato provato da numerosi studi che non fa male come si dice in giro, sono in molti a credere che sia dannoso. Non è un caso che molte aziende alimentari abbiano scritto – spesso a caratteri cubitali – «Senza olio di Palma», come se fosse un valore aggiunto. E poi, magari, usano l'olio di oliva che, se proprio vogliamo andare a vedere, è anche peggio. Per cui, prima di gridare 'al lupo' bisognerebbe capire e, soprattutto, sapere di quale olio di palma si sta parlando. Un po' come per i grassi trans e i grassi in sé. I primi fanno male; i secondi in genere no.

Il parere dell'Efsa
L'Efsa, ovvero l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, ha rivisto il suo parere sul famigerato olio di palma. Nella sua revisione afferma che «I livelli di consumo di 3-MCPD tramite gli alimenti sono considerati privi di rischi per la maggior parte dei consumatori». Questa dichiarazione va in un certo senso contro a quanto dichiarato nel 2016 riguardo ai glicidolesteri che si formano dai trattamenti termici dell’olio di palma e degli altri grassi. Il parere, a suo tempo, aveva suscitato tanto clamore ed era sfociato nella nota crociata contro questo tipo di olio.

Il commento dell'UNC
A lettura del nuovo parere da parte dell'Efsa, giunge il commento dell'Unione Nazionale Consumatori. «Il parere – commenta Agostino Macrì, responsabile dell’Area sicurezza alimentare dell'UNC – evidenzia che esiste un potenziale problema di salute solo per i forti consumatori delle fasce di età più giovane, in particolare per i neonati nutriti esclusivamente con latte artificiale, che potrebbero lievemente superare il livello di sicurezza».

- Approfondisci: Olio di palma, 7 miti da sfatare.

Basta crociate
A volte per demonizzare un prodotto o qualsivoglia altra cosa basta davvero poco. Può essere per un 'sentito dire', o perché 'lo dicono tutti', e così senza magari informarsi davvero ci si convince che un qualcosa è male o, al contrario, è bene – quando non è né il caso né l'altro. L'olio di palma non fa eccezione. «Insomma – conclude Macrì – l’olio di palma come gli altri grassi deve essere consumato moderatamente, ma certo vanno evitate crociate ideologiche e disinformazione. E’ incredibile che questo parere dell’Efsa, che risale al 10 gennaio, sia, a differenza del precedente, passato sotto silenzio». Forse non è così incredibile: una volta che la pallina ha iniziato a rotolare è difficile fermare la valanga.