5 giugno 2020
Aggiornato 15:00
Vaccini e cancro

Vaccino contro il cancro al fegato: al via la sperimentazione

Parte la sperimentazione del vaccino Hepavac, il primo immunoterapico al mondo contro il cancro al fegato. È formato da frammenti di proteine (antigeni) totalmente nuovi.

Arriva il vaccino contro il cancro al fegato
Arriva il vaccino contro il cancro al fegato Shutterstock

NAPOLI - Tutti vorrebbero un vaccino contro il cancro. Avere la certezza (quasi) matematica di non contrarre mai il cancro durante la propria vita sarebbe la felicità di tutti. Purtroppo, però, tutto ciò pare essere ancora una lontana chimera. La parola vaccino infatti, non è del tutto corretta. In questo caso il termine si riferisce a una nuova terapia che non rientra – per fortuna – nella categoria dei chemioterapici, bensì in quella degli immunoterapici. Si tratta dell’innovazione nella cura del cancro, a ridotti effetti collaterali e ad altissima efficacia. Una nuova sperimentazione riguarda anche le persone affette da carcinoma epatico, uno dei tanti flagelli dell’umanità.

Al via la sperimentazione
Ci manca ormai pochissimo tempo: i primi di settembre si potrà finalmente dare il via ufficiale al vaccino terapeutico Hepavac. Ovvero il primo vaccino al mondo per il cancro al fegato. È stato scoperto di recente da un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale Tumori - IRCCS «Fondazione G.Pascale» di Napoli e potrà finalmente essere testato su un gruppo di volontari. Per ora si accettano 40 pazienti affetti da epatocarcinoma non metastico.

  •  Leggi anche: Cancro, arriva il vaccino Dna che ci protegge
    Gli scienziati sviluppano un nuovo vaccino basato sul Dna che migliora le risposte immunitarie contro i tumori e il cancro. L’idea è quella di sfruttare le cellule per indirizzare un antigene specifico del cancro

3 anni di lavoro
La sperimentazione parte dopo ben tre anni di lavoro che ha coinvolto diversi paesi. In Italia è stato testato al Pascale e al Sacro Cuore di Verona. Mentre in Europa, i paesi che hanno aderito al lavoro scientifico sono stati la Germania, il Belgio, la Spagna e il Regno Unito. Attualmente il protocollo è stato approvato dalle agenzie regolatorie e dal Comitato Etico del Pascale.

  • Leggi anche: Immunoterapia oncologica: funziona davvero?
    Nuove speranze per i malati di cancro. L’immunoterapia oncologica allunga la durata della vita, ha effetti collaterali decisamente ridotti rispetto alla chemioterapia e sembra essere efficace persino in forme cancerogene molto gravi

Il primo vaccino al mondo
«Se i risultati saranno quelli auspicati – dichiara Luigi Buonaguro del Pascale – il nostro sarà il primo vaccino al mondo per il tumore epatico candidato alla sperimentazione su vasta scala per testarne in maniera definitiva l’efficacia e fornire uno strumento terapeutico per i pazienti affetti da un tumore così letale. Durante i primi tre anni del progetto abbiamo identificato gli antigeni dell’epatocarcinoma, cioè le proteine presenti in grandi quantità solo sulle cellule tumorali. Tali antigeni sono risultati totalmente nuovi e specifici per il tumore del fegato, infatti non si trovano sulle cellule sane del fegato né in altri organi. Questi antigeni costruiscono il vaccino HEPAVAC».

Come funziona HEPAVAC
L'obiettivo principale del farmaco HEPAVAC è quello di sviluppare una potente arma contro il cancro utilizzando epitopi specifici, ovvero frammenti di proteine isolate dalle cellule tumorali epatocellulari,  miscelati con epitopi provenienti dagli stessi pazienti. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito dedicato al vaccino immunoterapico.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal