4 dicembre 2021
Aggiornato 03:00
Il pericolo antibiotici è sempre attuale

Usare antibiotici da bambini fa ammalare da adulti

La purtroppo diffusa pratica di somministrare antibiotici in età infantile è stata collegata allo sviluppo di serie malattie negli adulti

MINNESOTA – Gli scienziati statunitensi dell’Università del Minnesota avvertono che l’utilizzo di antibiotici da bambini può essere causa di serie patologie da adulti, come malattie infettive, obesità, allergie e altre malattie autoimmuni.

UNA PRATICA COMUNE – Quella di somministrare antibiotici ai bambini – anche quando non sarebbe necessario – è purtroppo una pratica comune. Spesso i genitori, preoccupati per la salute del proprio figlio, ricorrono all’uso di questo genere di farmaci che, in certi casi, non sono la risposta adatta. Per esempio, c’è chi ancora crede che siano utili in caso d’influenza, dimenticando che qui si tratta di una malattia virale e non batterica – per cui l’antibiotico non solo è inutile ma, appunto, potenzialmente dannoso. Questo, è ovvio, non esclude che in certi casi gli antibiotici siano utili, quando non indispensabili. Ma tant’è.

PERICOLO – Oltre al tristemente noto fenomeno della resistenza, l’uso di antibiotici nell’infanzia è stato collegato da un nuovo studio, pubblicato su Cell Host & Microbe, allo sviluppo di alcune serie patologie da adulti. Il dott. Pajau Vangay e colleghi hanno scoperto che l’assunzione di questo genere di farmaci modifica la flora intestinale (disbiosi), e questo fenomeno sarebbe alla base di malattie che emergono più avanti nella vita. Tra queste, diverse malattie infettive, allergie, obesità e altre malattie autoimmuni.

IN FORTE AUMENTO – «Le malattie legate al metabolismo e il sistema immunitario stanno aumentando in modo drammatico, e in molti casi non sappiamo perché – ha commentato il dott. Dan Cavalieri, principale autore dello studio – Precedenti studi hanno dimostrato legami tra l’uso di antibiotici e uno squilibrio dei batteri intestinali. Altri hanno mostrato legami tra i batteri intestinali sbilanciati e le malattie degli adulti. Nel corso dell’ultimo anno abbiamo sintetizzato centinaia di studi e trovato prove di forti correlazioni tra l’uso di antibiotici, i cambiamenti nei batteri intestinali, e la malattia in età adulta». I ricercatori ricordano che un terzo di tutte le prescrizioni di antibiotici sono considerate inutili, per cui si dovrebbe rivedere questa diffusa pratica per evitare pesanti ricadute sulla salute di tutte le persone.