7 aprile 2020
Aggiornato 10:00
La polemica

Giorgia Meloni ribadisce il concetto a Conte: «Fare passerella è criminale»

La leader di Fratelli d'Italia: «Chiedo al presidente del Consiglio di non sovrastimarsi perché valutare il suo lavoro non vuol dire attaccare l'Italia e gli italiani. Grazie a Mattarella, messaggio importante»

Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d'Italia
Giorgia Meloni, Presidente di Fratelli d'Italia ANSA

ROMA - «Dispiace che Giuseppe Conte e mezzo governo perdano tempo a sostenere che avrei dato del criminale al presidente del Consiglio e a fare polemica, mentre non hanno trovato un minuto per rispondere alle proposte che ho inviato, a nome di Fratelli d'Italia, per fronteggiare l'emergenza coronavirus». Lo dichiara il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

«Conte sa benissimo che ho corretto in diretta una affermazione che poteva essere male interpretata, ribadendo che considero 'criminale' aver pensato di utilizzare il coronavirus per una passerella personale arrivando addirittura a dare al sistema sanitario nazionale la colpa del contagio. Questa - aggiunge - è una posizione che confermo e ribadisco. Mi aspettavo maggiore responsabilità da un presidente del Consiglio che, con la sua bulimia comunicativa, ha trasformato l'Italia nella nazione untrice del mondo e ha creato confusione, ansia e panico tra gli italiani. Ciononostante, abbiamo continuato a fare del nostro meglio per aiutare un Governo che chiede unità e responsabilità ma è il primo a non garantirle».

«Chiedo al presidente del Consiglio di non sovrastimarsi perché valutare il suo lavoro non vuol dire attaccare l'Italia e gli italiani, ma criticare un presidente del consiglio a nostro avviso inadeguato per gli italiani. Detto questo, non farò altre polemiche: continuerò a lavorare alle proposte che presenteremo insieme agli altri partiti di centrodestra e alle altre che serviranno. Chissà che prima o poi qualcuno risponda anche su questo», conclude.

«Centrodestra unito, speriamo ora governo ci ascolti»

«Finora non abbiamo trovato l'attenzione e l'unità che speravamo da parte del governo. Ma ora facciamo un passo avanti, orgogliosi della nostra unità e delle nostre proposte. Ora speriamo che le cose cambino e che verremo ascoltati». Lo afferma Giorgia Meloni, durante la conferenza stampa con Matteo Salvini e Antonio Tajani sulle proposte del centrodestra per affrontare l'emergenza coronavirus. «L'Europa fin qui non è esistita, oggi può dimostrare se esiste o meno», la presidente della commissione non ha detto una parola, l'ho trovato rilevante. Una parola di conforto o sostegno alle istituzioni sarebbe stato un bel gesto».

«Grazie a Mattarella, messaggio importante»

«È importante che il Presidente della Repubblica Mattarella abbia fatto sentire la sua voce in questo momento. Lo ringraziamo - prosegue - per il richiamo al coinvolgimento e all'impegno e anche per le significative parole sulla competenza e il coraggio del nostro sistema sanitario che va tutelato, rafforzato e incentivato. Raccogliamo la sua esortazione continuando a lavorare per offrire soluzioni da valutare sul piano sanitario ed economico. Le principali le presenteremo domani in conferenza stampa al Senato e altre, più dettagliate, le manderemo ai ministri competenti».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal