15 luglio 2020
Aggiornato 19:00
Maggioranza

Matteo Renzi avvisa gli alleati: «Non si sta insieme solo contro Salvini. Bisogna avere delle idee...»

Il leader di Italia Viva a Tgcom 24: «Ho visto delle litigate sul niente nella maggioranza, la situazione si sta ingarbugliando. Rischio voto c'è davvero, chance al 50%. Io non ho paura del voto»

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi ANSA

ROMA - «In tutta la settimana ci sono stati litigi tra il Pd e il Movimento per diverse cose, ieri io ho detto che se si continua a dire 'si vota si vota' poi si vota davvero». Lo ha detto Matteo Renzi, leader di Italia Viva, intervistato a Tgcom 24. «Bloccare Salvini era un obiettivo, ma non è che puoi stare insieme solo contro qualcuno, bisogna avere delle idee...», ha concluso. "Io non ci vado alle riunioni di maggioranza, non sono io il problema, se Di Maio vuole sapere chi lo è si faccia un selfie».

«Rischio voto c'è davvero, chance al 50%»

«Il governo regge? Non lo so, spero di sì ma non lo so, perché ho visto in questa settimana delle litigate su niente. Stavolta mi pare che la situazione si stia ingarbugliando. Fossi Conte cercherei di creare un clima sereno per arrivare al 2023 e fare delle cose buone per gli italiani. Io non voglio andare a votare ma se si va a votare io non ho nessun tipo di problema o di paura», ha proseguito. «Questo Parlamento rimane in piedi per me al 50%. Fino a un settimana fa la probabilità che gli davo era il 95%. Se continua così va a finire che si va a votare davvero, perchè si litiga su tutto nel governo. Rischiano di andare alle elezioni perchè se si continua a litigare su tasse, prescrizione, e a discutere invece di risolvere i problemi degli italia, io penso che il rischio ci sia», ha aggiunto il leader di Italia Viva.

Alla domanda su chi potrebbe far cadere il governo, Renzi ha risposto: «Secondo me Di Maio non credo voglia farlo cascare: da 350 parlamentari scenderebbe a 70. Può tirare la corda ma non romperla. Però sta creando un clima brutto. E io faccio un appello: basta con questa voglia di polemizzare su tutto». Quanto a Italia Viva, Renzi ha rivendicato: «Noi non stiamo litigando. Io non critico, io cerco di salvarlo dall'autodistruzione».

«Aberrante cancellare la prescrizione»

«Cancellare la prescrizione è aberrante, un processo senza fine nega la giustizia, non la agevola. Secondo i dati degli uffici giudiziari di un importante magistrato torinese dei circa 150 mila indagati o arrestati ogni anno tre quarti, il 75%, alla fine risultano non colpevoli».

«Follia plastic e sugar tax»

«Hanno detto una cosa ancora più grave e da questo si vede che non hanno alcuna competenza tecnica, chi ha fatto quel comunicato, un funzionario del Pd o della Regione Lazio, deve sapere che non si tratta di Spa.... Alzare le tasse sulla plastica e sullo zucchero è un errore, per fare una battaglia per l'ambiente devo avere dalla mia parte le aziende, cerchiamo di cambiare il modo del business» ha concluso spiegando che «se per aumentare la tassa sulla plastica ci sono 10mila persone che rimangono senza lavoro, il conto lo paga la povera gente: ecco perché è follia la tassa sulla plastica. Stessa cosa sullo zucchero, se vuoi che i nostri bambini non bevano più bibite gassate devi fare un percorso di educazione alimentare. Se metti tassa sullo zucchero, le aziende chiudono e vanno altrove».