14 novembre 2019
Aggiornato 18:00

Matteo Renzi: «Su quota 100 ci adeguiamo ma no all'aumento selettivo dell'Iva»

Il leader di Italia Viva: «Nasciamo per portare idee, non per fare i pierini del governo. Nostre priorità non aumentare tasse e piano figli»

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi ANSA

ROMA - «Per me Quota 100 è da eliminare ma non so che accordi politici abbiano preso. Noi ci atterremo alle decisioni del governo, non saremo i pierini del governo ma cercheremo di dare una mano». Lo ha detto Matto Renzi, leader di Italia Viva, ospite di Radio24. Ma la stessa linea Renzi non intende seguirla sull'ipotesi di aumento selettivo dell'Iva: «Questo governo è nato per non aumentare l'Iva e l'aumento dell'Iva è da evitare a tutti i modi. Mi conforta che Gualtieri abbia detto più autorevolmente le stesse cose. È un'ipotesi che non è all'ordine del giorno, non voteremo aumenti dell'Iva e un aumento 'selettivo' è comunque un aumento».

«Nostre priorità non aumentare tasse e piano figli»

Le priorità di Italia Viva per la manovra sono due: «Non aumentare tasse e un grande piano per i figli. Siamo un paese che non fa più bambini: è una crisi pazzesca. Più servizi per le donne, assegni universali per i figli, asili nido, congedo anche per i papà. Grazie a Italia Viva - ha ribadito - il governo è più forte. Ma Italia Viva punta a parlare a chi non crede più alla politica, per questo sarà il primo partito ad avere giovani, millennials e donne in tutti i ruoli di responsabilità».