14 novembre 2019
Aggiornato 22:00

Leoluca Orlando: «Non lasciare il Governo ad un aspirante fascista»

Il riferimento del Sindaco di Palermo è al leader della Lega, Matteo Salvini: «Meglio i 5 Stelle confusi». Parlamentari PD: «Governo sblocchi cantieri Sicilia»

Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo
Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo ANSA

PALERMO - «Il Pd sta ridefinendo il ruolo e visione: nessun passo indietro. No ai decreti sicurezza disumani e incostituzionali che utilizzano i migranti per perpetrare violazioni dei diritti di tutti». È quanto ha dichiarato Leoluca Orlando, ieri mattina in apertura della riunione con sindaci, governatori e segretari regionali del Partito democratico.

«Meglio il dialogo con M5s confusi»

«La discontinuità - ha proseguito Orlando - deve portare ad una scelta strategica per il Mezzogiorno. Serve un forte Ministero per la Coesione territoriale: è surreale il dibattito TAV Torino-Lione mentre nel Mezzogiorno le ferrovie sono fatiscenti, le infrastrutture di mobilità inesistenti. È difficile - ha concluso Leoluca Orlando - avere come interlocutore un soggetto in forte confusione e M5S in fibrillazione ma meglio interloquire con un soggetto in difficoltà che lasciare al governo un aspirante fascista che vuole pieni poteri».

Parlamentari PD: «Governo sblocchi cantieri Sicilia»

I deputati regionali del PD dei Territori Dipasquale, Catanzaro, Arancio e Gucciardi scrivono al segretario nazionale del Partito Democratico per sottoporgli il tema della carenza infrastrutturale in Sicilia con particolare riferimento ad alcune opere ritenute fondamentali: il completamento dell'autostrada Siracusa-Gela, la realizzazione della Ragusa-Catania, l'ammodernamento delle due statali Palermo-Agrigento e Caltanissetta-Agrigento, la realizzazione della tangenziale di Gela e l'adeguamento della linea ferrata Trapani Palermo via Milo.

Il tema delle infrastrutture

«Al di là delle scelte sulla nascita del nuovo Governo, che appartengono agli organismi nazionali del Partito Democratico - scrivono i parlamentari regionali - rivolgiamo al segretario Zingaretti un appello perché, nel merito dell'accordo, per quanto riguarda le riflessioni e le esigenze del Sud, venga dedicata maggiore attenzione al tema delle infrastrutture, carenti nel migliore dei casi, quando non del tutto assenti come nel caso della provincia di Ragusa che non possiede un solo km di autostrada. Sono delle priorità che non possono rimanere ignorate».